Archive
Categories

Artikel-Schlagworte: „La Germania“

Ostilità verso la parte II dei tedeschi: Ideologia tedesca del membro della sinistra e di Auto-Odio

[Machine translation. No liability for translation errors. Traduzione automatica. Nessuna responsabilità per errori di traduzione.]
Comments in English, please. View original article

Scritto da Manfred Kleine-Hartlage  

Tradotto da J m. Damon

http://korrektheiten.com/2011/08/04/deutschenfeindlichkeit-teil-2-deutscher-selbsthass-und-linke-ideologie/ >

[Parte I della mia conferenza “su ostilità verso i tedeschi„ occupati dell’ideologia che è derivato dall’anti descrizione tedesca nell’ovest.
Ho descritto come e perché questa ideologia è stata sempre e sempre sarà inadeguata per la Germania.
Nella seguente sezione discuto le conseguenze che necessariamente derivano dall’approvazione di questa descrizione dai tedeschi stesse.
In conclusione discuto il ruolo svolto dall’ideologia appartenente alla sinistra nel complesso globale di ostilità verso i tedeschi.]

Approvazione tedesca di anti descrizione tedesca occidentale

Come risultato dell’effetto potente di varie sedi della propaganda americana dopo la seconda guerra mondiale, uno spostamento cataclismico ha avuto luogo nel pensiero politico tedesco. Era uno spostamento in direzione dell’ideologia angla di Saxon di liberalismo rivoluzionario e di marxismo successivo. In entrambi i casi ha consistito dell’accettazione dei presupposti di base dell’Meta-Ideologia rivoluzionaria.

Tra l’altro, questo ci ha creati “- voi„ differenziazione basata sull’ideologia piuttosto che l’origine etnica o la base politica nazionale.   La nuova norma era accettata naturalmente, finché “„ non fossimo più tedeschi o persino gli europei. “„ Ci siamo trasformati in in un partito nella guerra civile ideologica globale (“l’ovest,„ “Comunità occidentale dei valori,„ o “il mondo libero „). “„ Siamo diventato chiunque abbiamo diviso gli ideali utopistici rivoluzionari.

A seguito del crollo dell‘Unione Sovietica le parti mai più grandi della sinistra ci hanno capitati a questo “,„ come è abbastanza ovvio dalla cometa come le carriere di precedente “` 68ers„.

Per i poteri vittoriosi, questa nuova definizione del Noi-gruppo, in base a fedeltà ideologica significata una contraddizione latente nella loro auto-identità come nazioni. Ciò era vera non solo per i Russi, che avevano combattuto più per la madre Russia che il comunismo (ma di cui la vittoria ha servito il comunismo più della Russia); era inoltre vero per gli Americani e Britanni. Non era facile da uguagliare “la mia destra del paese o il torto„ con l’ultimo schema “fa la cassaforte del mondo per la democrazia. „ Poichè abbiamo veduto, queste contraddizioni erano solo latenti per gli alleati di tempo di guerra poiché avevano combattuto come nazioni piuttosto che come portatori standard per le idee astratte.

Fra noi i tedeschi le contraddizioni erano più di latenti. Non potrebbero essere trascurati l’instante che abbiamo adottato le descrizioni e le ideologie dell’utopista dei nostri nemici vittoriosi, come abbiamo fatto dopo la seconda guerra mondiale. Un cittadino “che raggruppiamo„ è una comunità di supragenerational che include le generazioni passate come pure quelle eppure venire. La logica che costringe un cancelliere tedesco a participte nelle celebrazioni di vittoria alleate a Parigi, in Normandia e Mosca implica che entrambe le guerre mondiali siano state battaglie nelle guerre civili europee e globali.
Erano lotte gigantesche vinte “dalla Comunità occidentale dei valori„ o semplicemente “democrazia„ (nel caso della Russia, era l’ideologia utopistica come tale) sopra le forze di oscurità e “dai„ (tedeschi rieducati e ricostruiti) abbiamo appartenuto a questa comunità dei valori, “„ eravamo fra i vincitori mentre “i tedeschi„ (cioè la gente sconosciuta che si sono chiamate “i tedeschi „), l’inclusione di tutta la malvagità, erano i perdenti.

L’approvazione tedesca dell’ideologia occidentale e dell’Meta-Ideologia in generale implica una perdita di identificazione con il nostro proprio VOLK. Ci costringe a considerare il nostro proprio VOLK come il nemico, per detestarsi mentre una conseguenza della malvagità ed odiare il nostri propri sopporta. La Germania è il solo paese nel mondo che erige i monumenti ai traditori ed alle disertore, il solo paese in cui è considerato esemplare di sputare sulla tomba dei suoi nonni. La descrizione storica dei vincitori – con i suoi concetti politici globali, il suo worldview utopistico highflown – può mai non essere la descrizione dei tedeschi che vogliono essere tedeschi. Se la adottano, sarà al costo di auto-obliterazione. La contraddizione fra essere tedesca e fa parte di un oggetto storico chiamato “comunità occidentale dei valori„ è unbridgeable.

Il problema è sottolineato piuttosto di quanto risolto dagli sforzi zoppi per unire i incompatibles nei compromessi formulari quale “patriottismo costituzionale.„
Questa ostilità verso il suo proprio VOLK è specificamente tedesca, come è illustrato che dal fatto che i cosiddetti “anti tedeschi„ (poichè si chiamano!) comprendono il solo raggruppamento politico quella si riferisce a stessa con la parola “tedesco.„  Nemmeno i neonazi fanno quello, mentre si riferiscono a stessi semplicemente come “cittadini,„ sottolineante che considerano il nazionalismo come qualche cosa di buon in sé – non solo per i tedeschi ma per ognuno. Gli anti tedeschi, al contrario, esprimono il voto opposto: vogliono sradicare il VOLK tedesco, ma non necessariamente il concetto stesso VOLK. Interessante, stanno tentando di fare questo con la razionalizzazione ideologica, precisamente che cosa ho identificato come il fondamento di anti ostilità tedesca nella parte I di questa serie: L’idea che la Germania è (o era) l’epitome di anti utopista, anti forza counterrevolutionary globalistic va normalmente non specificata eccetto fra gli anti tedeschi. La mia analisi non è lontano rimossa da quella di anti tedeschi; soltanto i prefissi di qualificazione sono invertiti.

Ideologia appartenente alla sinistra

La logica interna costringe le società che sostengono i presupposti fondamentali di Utopianism liberale per essere rapidamente implicate con il suo gemello ostile, il marxismo – socialismo. In generale possiamo riferirci entrambi come ideologia appartenente alla sinistra. Chiunque condanna gli squilibri del potere della società sulla base che non sono fondati in razionalismo e che credono che questi squilibri siano diabolici e debbano essere timbrati fuori, non dovrebbe essere sorpreso quando lo squilibrio fra ricco e povero inoltre rientra nei crosshairs della critica. Chiunque sostiene la libertà e l‘uguaglianza come universalmente valida e come valori di base della società, deve occuparsi dell’opposizione a libertà in nome dell’uguaglianza. I marxisti che attivamente si oppongono al capitale perché il suo potere non è razionale legittimo ma piuttosto sorge con automatismo (derivato dalla natura di capitalismo stessa), conducente alla padronanza di una classe sopra l’altra, contano sulla stessa logica dei liberali che polemicize contro la chiesa e re. Nei marxisti di alcuni riguardi sia più coerente dei liberali, poiché condannano tutte le diseguaglianze sociali. Per esempio, condannano la diseguaglianza fra i ricchi ed il povero; impiegato e disoccupati; il cittadino e lo stato; e fra i genitori e bambini come pure maggioranza e minoranza (etnico o religioso).

Dal punto dell’ideologia appartenente alla sinistra il partito più potente è semplicemente illegittimo perché è più potente. Ciò implica che non dovrebbe essere permessa occuparsi del più debole in base ad eguaglianza davanti alla legge “soltanto convenzionale„, ma deve attivamente essere danneggiata. Corrispondentemente, da questo punto di vista, non è ingiustizia per saccheggiare i ricchi a favore del povero o del impiegato a favore dei disoccupati. L’ideologia appartenente alla sinistra suppone che la legge e lo stato sono repressivi, poiché utilizzano lo stesso bastone di misurazione per misurare le entità dissimili, invece di causare che cosa è disuguale essere uguale; ed inutile per dire, non ci sono leggi per proteggere la maggioranza dalla minoranza. Alla pagina 28 “di DEUTSCHE OPFER, FREMDETER„ Götz Kubitschek e Michael Paulwitz citano una posizione tipico appartenente alla sinistra che asserisce che il razzismo contro i tedeschi non può esistere. Ciò è perché il razzismo è un medium di repressione che per natura non può essere inflitto su una maggioranza da una minoranza a causa del poco potere sociale della minoranza di applicare la sua volontà.

Con parole semplici questo significa che “il partito più debole,„ cioè una minoranza etnica, è permesso fare tutto, mentre “il più forti„ (in Germania, i tedeschi) non sono permessi fare qualche cosa, ma deve resistere a tutto.
Il potere che è presunto per essere più forte è automaticamente il potere diabolico poiché trae giovamento dalla repressione presunta (quella anche rinforza.)

Ancora: poiché la mera esistenza della disparità di potere è “la malvagità„ da affrontare e combattere, un’ingiustizia “di pareggiamento„ in ritardo più non basterà.
La base stessa dello squilibrio di potere deve eliminarsi: ricchezza stessa; o, come è particolarmente pertinente al nostro tema, la maggioranza etnica deve eliminarsi.
Dal punto di vista della sinistra, una maggioranza VOLK o il gruppo etnico non ha diritto di esistere.

La sinistra non è soddisfatta con la rappresentazione degli interessi “del debole; „ è determinato per delegitimize “il forte. „ Nel nostro paese la sinistra deligitimizes gli interessi dei tedeschi, cristiani, uomini, nonfeminist o donne nonlesbian, bianchi, eterosessuali e lavoratori rimunerativo occupati. Cioè la sinistra si oppone agli interessi della maggioranza e cerca a qualsiasi forza queste maggioranze nella minoranza oppure le annienta complessivamente. Ciò è la logica dietro la politica di de-Cristianizzazione, de–Germanization, di de-Europeanization, di femminilizzazione e della promozione dell’omosessualità.
Soltanto impiegato rimunerativo non può abolirsi; tuttavia, è ammissibile selezionare le loro tasche, poiché si sono disposte in una malvagità ed in una posizione repressiva appena esistendo dalla frutta dei loro propri lavoro.

È manifesto che una tal politica non può possibilmente essere democratica, poiché è diretto sistematicamente contro la maggioranza. Così l’ideologia appartenente alla sinistra provoca naturalmente la propagazione del demophobia (timore delle masse), della de-democratizzazione e dei colpi di stato. Naturalmente trova gli alleati nelle minoranze di ogni descrizione.

Tutto questo riguarda generalmente la psicologia delle minoranze che è caratterizzata dai rancori profondi. Le minoranze ritengono che lo stile di vita della maggioranza, in cui sono incapaci e poco disposte di partecipare, dovrebbe essere guastato almeno per la maggioranza. Una buona illustrazione di rancore di minoranza è le sedere che urinano nel vestibolo della banca. Il razzismo contro i tedeschi è l’appena una variazione di questa specie di rancore sebbene significativo.
Ricerche appartenenti alla sinistra di ideologia per mobilitare tale capacità distruttiva.

Diesen Beitrag weiterlesen »

Nevrosi governative del dottore Schäuble

[Machine translation. No liability for translation errors. Traduzione automatica. Nessuna responsabilità per errori di traduzione.]
Comments in English, please. View original article

da Manfred Kleine-Hartlage, in primo luogo pubblicato in tedesco, il 1° ottobre 2009: Doktor Schäubles Staatsneurosen

Se volete conoscere la quale ideologia è la base della politica di immigrazione di questo paese, è illuminante esaminare con attenzione che cosa le persone responsabili dicono circa se stessi. Wolfgang Schäuble, [poi] ministro dell’interno, ha avuto recentemente “in guardolo Sonntag„ una disputa con il sociologo olandese immigrazione-critico Paul Scheffer. Questo dibattito merita un’estesa analisi. Mi concentro sul che sig. Schäuble ha detto, comunque raccomando di leggere l’intera discussione, specialmente a causa delle obiezioni critiche degno leggere del professor Scheffer:

Guardolo Sonntag: Il sig. Schäuble, dai migranti del lavoro di anni ’50 è venuto in Germania in larga misura. È questa immigrazione un esempio di successo?

Wolfgang Schäuble: Principalmente sì. Si deve realizzare, noi ha reclutato questa gente. La Germania è, a proposito, il paese di Europa con il più alto tasso di crescita demografica dalla seconda guerra mondiale. Da un lato a causa dei rifugiati dall’est e dalle parti di Europa in cui i tedeschi si erano sistemati nei precedenti periodi. E poi abbiamo ricevuto molti rifugiati dalle aree di conflitto, più di altri paesi, per cui l’agenzia del rifugiato dell’ONU ci elogia. Abbiamo reclutato i lavoratori immigrati. Senza di loro lo sviluppo economico non sarebbe riuscito affatto a quel tempo. La maggior parte sono integrati bene, ma c’è un deficit non insignificante nella terza generazione. Il combattimento del questo è un’enfasi della nostra politica. Ma complessivamente è un esempio di successo.

Paul Scheffer: (…) C’è un consenso in molti paesi che l’immigrazione dei lavoratori immigrati non era realmente esempio di successo. Nè per la società di ricezione nè per i lavoratori immigrati stessi. (…) Inoltre i migranti si sono considerare come lavoratori immigrati ed appena non come i migranti.

Schäuble: Devo sollevare un’obiezione. Abbiamo reclutato i lavoratori immigrati…

In questi brevi entrambe le dichiarazioni, Schäuble hanno sollecitato tre volte che “„ abbiamo reclutato i lavoratori immigrati. Ancora vederemo che questo è così importante lui perché significa che “„ siamo responsabili delle conseguenze.

Inoltre è falso (e corretto subito da Scheffer) quello senza lavoratori immigrati “che lo sviluppo economico… non sarebbe riuscito„. Sebbene falso, sia una componente importante della auto-descrizione e della vista sulla storia in Germania islamica futura:  Non dobbiamo il nostro sviluppo economico alla prestazione tecnologica e scientifica dei tedeschi, né ai secoli di tradizione educativa, né il livello e la qualificazione coscientemente mantenuta dei nostri artigiani, per non parlare di tutto il sudore che l’industrializzazione della Germania, a partire dal diciannovesimo secolo e la ricostruzione dopo del 1945 aveva costato. La dobbiamo ai lavoratori immigrati, che sono integrati così bene che si si domanda perché non sono riuscito a mettere questa integrazione anche nei cuori “della terza generazione„ e perché dobbiamo occuparci improvvisamente “dei deficit non insignificanti„.

La preoccupazione circa questa certamente più di quanto è equilibrata dal fatto che “l’agenzia del rifugiato dell‘ONU ci elogia„.

Che cosa realmente significa che Schäuble considerare la prima generazione come “buona integrata„? Ciò significa che “l’integrazione„ a lui non include per allevare i suoi bambini nello spirito di una relazione positiva in Germania ed i tedeschi: Se la prima generazione fosse stata, in questo senso, pozzo integrato, “i deficit„ del terzo sarebbero appena spiegabili.

Presuppongo, per Schäuble, essendo mezzi “integrati„ buoni per non diventare un estremista o un terrorista. “Ha integrato„ è chi non causa la difficoltà al governo. La difficoltà alcuni migranti, specialmente musulmani, causa ai cittadini indigeni non interessa il governo, finchè non ritiene le conseguenze stessa al giorno delle elezioni.

(…)
Schäuble: (…) Sappiamo che ci sono oggi problemi, noi conosciamo i deficit. Di conseguenza la nostra politica è completamente chiara: Ripareremo in primo luogo i deficit di integrazione ed in seguito apriremo il mercato del lavoro più se necessario.

Ora ha usato già tre volte i deficit del „di parola “. Non sappiamo ancora che i deficit lui realmente significa, ma sappiamo che almeno li conosce – come rassicurando – e che (con „la nostra politica „) sta andando a „riparili “: la megalomania di un tecnocrate che non non rend contoere che gli esseri umani non sono macchine e “deficit di integrazione„ non è danno di motore essere „riparato “. Trascura il fatto che 67 milione tedeschi indigeni, quattro milione musulmani ed undici milione migranti dei non Musulmani ed i bambini emigranti non sono orchestra, aspettante la conduzione dal sig. Schäuble e che la società non è una tavola calda, in quale mette le frasi vuote (come le monete) per vedere srotolamento di integrazione del „“.

Inoltre ed appena a proposito, impariamo che da allora in poi, se qualcosa come integrazione a metà strada sarà riuscito così, si impara dagli errori del passato non evitarli in futuro ma, al contrario, aprire il mercato del lavoro, cioè per ripeterli alla prima opportunità. “L’integrazione„ di quelle è così appena la fase preliminare all’immigrazione degli altre. Il ministro ci dice ufficialmente, sebbene appena en passant, che intende rendere l’immigrazione di massa permanente e che persegue una politica per sollecitare i tedeschi nel loro proprio paese in una posizione di minoranza.

Guardolo Sonntag: Tutti i processi di migrazione della storia indicano che il modello circolare non funziona. Se gli esseri umani vanno altrove, quindi molti di loro soggiorno. Il problema in Germania non è sorto perché abbiamo pensato troppo lungamente, i migranti ritornerebbe?

(…)

Schäuble: Ho trovato una comprensione che corrisponde ai miei proprie, di che paesi dell’immigrazione sono, in un libro di un professore olandese (risate): paesi che selezionano gli immigrati. In questo senso, la Germania non è paese dell’immigrazione. Ho detto sempre così. Ciò non significa che non abbiamo molti immigrati. E quindi piuttosto parlo dell’integrazione, perché questo è che cosa dobbiamo dirigere. Abbiamo avuti per esempio problemi sostanziali con l’integrazione dei rifugiati [del tedesco] all‘estremità 40 del ′ S. 1949 che 96 per cento dei rifugiati hanno detto che la loro relazione alla popolazione locale non era buona. Questa integrazione è riuscito oggi. Ma riguardo ai lavoratori immigrati più successivamente certamente non siamo riuscito a riflettere sufficientemente.

Confrontato al risultato magnifico per integrare i tedeschi in Germania l’integrazione dei Turchi dovrebbe essere un gioco dei bambini – a condizione che uno “riflette sufficientemente„.

Soprattutto, tuttavia, non abbiamo fatto abbastanza bene nel compito di integrare adeguatamente i loro bambini e nipoti – questo è dove vedo le grandi omissioni della società tedesca.

L’integrazione non è qualcosa che gli immigrati debbano la società, ma il contrario – probabilmente perché “abbiamo reclutato i lavoratori immigrati„ e deve loro “il nostro sviluppo economico„.

Se la I, tuttavia, dice: L’equilibrio è cattivo, non era proficuo, quindi rinforzo coloro che mi dice allo Stammtisch [il pub dove la gente normale parla delle politiche, M.K. – H.]: “Abbiamo saputo sempre, fuori con gli stranieri.„

Nel linguaggio semplice e chiaro: Non può ammettere che l’equilibrio è cattivo, perché rinforzerebbe altrimenti quelli a „lo Stammtisch “, cioè gente semplice, che ha ritenuto effettivamente sempre che l’immigrazione non arricchisca qualcuno ma gli immigrati stessi. Questa gente semplice non deve “essere rinforzata„ e quindi si deve dichiarare la verità che vedono una bugia. Uno nota che il ministro nemmeno si riferisce alla sua comprensione presunto superiore (che righelli fanno normalmente, se necessario per giustificare la loro regola). Così non sostiene essere giusto, lui soltanto vuole mantenere coloro che è.

Guardolo Sonntag: Che cosa è stato fatto male e quando?

(…)

Schäuble: … Dagli anni 70, non definiamo l’immigrazione, ma la politica di integrazione in Germania. Buon o cattivo, si può discutere. Abbiamo avuti un dibattito sopra il diritto di asilo, ma quello è qualcos’altro. Inoltre penso che dobbiamo perseguire, in futuro, una politica più utile. Ma prima di agire in tal modo, devo eliminare i deficit degli anni scorsi. A tale riguardo, non spingo via la colpevolezza da noi affatto.

“Noi„ – e si può supporre che questo “noi„ non significa la classe politica ma la gente tedesca – siamo colpevoli causare “i deficit„ citati per la quarta volta – realmente parla “di colpevolezza„ – e quindi “„ dobbiamo eliminarli, approssimativamente come un cane che il proprietario deve eliminare il piccolo mucchio. La stessa gente di cui l’opinione è trascurata deve trovarsi nel letto che lo Schäubles ha fatto per loro.

Mondo la domenica: Dove vedete i riusciti esempi di politica di immigrazione?

(…)

Scheffer: Deve interessare… che cosa Sarkozy chiama “il subi dell’immigrazione„ e “choisi dell’immigrazione„, sola sofferta o un’immigrazione che una sceglie deliberatamente. Su questo deve riflettere.

Schäuble: Naturalmente pensiamo a questo proposito! Ma sono contro pio desiderio. E prima che pensiamo troppo all’immigrazione selezionata, dovremmo concentrarci sulla riparazione dei deficit. (…)

Per “i deficit„ “sono riparati la quinta volta„.

(…)

Schäuble: (…) I come un ministro dell’interno deve impedire – che è ragione dello stato della Germania – che la nuova xenofobia si sviluppa.

Il ministro dell’interno ritiene che sia un dovere dello stato per vietare e/o prescrivere i suoi cittadini le loro sensibilità, per esempio odio degli stranieri. Un tal atteggiamento non è pre-democratico – nessun monarca assolutista si sarebbe considerato come l’insegnante della sua gente -, è totalitario. I cittadini devono essere fatti vogliono che cosa devono fare. E quello è non solo uno scopo governativo – che sarebbe abbastanza cattivo -, è ragione dello stato, cioè lo stato deve “impedire che la xenofobia si sviluppa„. Perché?

Non posso sopportare, come una settimana fa in Vorarlberg [Austria], 25 per cento per un estremista della destra un partito.

Il ministro dell’interno, membro di un partito “conservatore„ non ha una conoscenza di con la differenza fra il conservatore della destra e l’estremista della destra fa festa. Per considerare l’estremista di FPÖ è ovviamente grottesca. Per dichiararla estremista può essere tattiche astute – comunque non le tattiche dei democratici, ma degli autocrati che utilizzano l’apparato dello stato per mettere la museruola ai dissidenti.

Comunque uno dovrebbe ascoltare attentamente quando un ministro dell’interno, testa di una struttura di potere munita altamente organizzata, dice che non può„ sopportare„ un risultato elettorale, determinato in un modo perfettamente democratico.

Così i numeri alti approssimativamente per Le Pen erano il punto di partenza affinchè Sarkozy interessino sull’immigrazione. Non posso sopportare anche lo sviluppo nei Paesi Bassi.

Nel linguaggio semplice e chiaro il messaggio agli elettori tedeschi è: Non immagini che siate permesso votare mentre volete – determinati partiti offendono che cosa la I, Schäuble, definisce come “ragione dello stato„. Come l’inferno viene a crederlo è “ragione dello stato„ di indebolire la gente principalmente leale dello stato a favore dei migranti di cui la lealtà allo stato è abbastanza spesso dubbiosa?

La Germania immediatamente sarebbe sospettata per non imparare dalle esperienze nel periodo nazista. Siamo, più di chiunque altro, un bambino bruciato.

Se non voglio imputare U.S.A. per avere Germania minacciata con un intervento militare nel caso di un successo elettorale del parte di destra-conservatore: Sobrio considerati, i timori di Schäuble di sospetto è non più di un problema di immagine, cioè niente che abbia colpito seriamente “la ragione dello stato„, se si capisce “la ragione dello stato„ nel suo significato tradizionale.

Schäuble: Abbiamo avuti – e sono fiero di che – con le elezioni europee il 7 giugno il più piccolo successo dei gruppi xenofobi in Europa. I nostri sforzi su integrazione migliore non sono così completamente inutili.

Si potrebbe supporre con le migliori ragioni per cui meno gli sforzi su integrazione migliore riuscissero, ma piuttosto quelle sulla criminalità e sulla calunnia dei dissidenti e che siano così perché le grande molti tedeschi hanno interiorizzato quell’ideologia sconosciuta secondo cui non la lealtà per possedere la nazione, ma il auto-dressage a favore di altri è una ragione di essere “fiera„.

(…) Dobbiamo includere nel nostro demografico come nostra evoluzione sociale tutta la gente in Germania.

Eccetto, naturalmente, i tedeschi indigeni, in particolare tali che si esprimano a „lo Stammtisch “.

Altrimenti potremo non assicurare uno sviluppo stabile e tollerante. Ed a causa dello sviluppo demografico avremo probabilmente presto un più alto bisogno dell’immigrazione.

Non mi ricordo che lo sviluppo demografico effettivamente minaccioso della Germania è stato messo mai all’ordine del giorno dai politici. Non c’erano campagne elettorali su questa edizione e nessuno ha lottato per le soluzioni. Ma lo sviluppo demografico è messo regolarmente all’ordine del giorno ogni volta che le discussioni per immigrazione di massa stanno mancando di. In altre parole: L’immigrazione è una, se soltanto evidente, soluzione, cercante un problema adatto.

Ricostruiamo ora l’ideologia di Schäubles da cui ha detto fra le linee:

Si preoccupa soprattutto per cui altri pensano alla Germania, non così tanto di cui è realmente il caso, o circa se i tedeschi stessi si sentono bene con la sua politica; lo stesso orientamento alla percezione straniera, (pensi alla sua gioia infantile all’elogio dall’organizzazione del rifugiato di ONU) può essere letto fuori anche dal suo panico, Germania potrebbe essere sospettato per non imparare dal periodo nazista e dal suo “orgoglio„ circa la mancanza di successo “dei gruppi xenofobi„.

Se un individuo si rendesse dipendente dalla percezione straniera e subordinasse i suoi propri interessi alle richieste di altre, quindi questa persona sarebbe detta nevrotico per essere disturbata.

Consideriamo, inoltre,

  • quanto sollecita frequentemente che i tedeschi sono colpevoli,
  • la sua inclinazione accreditare i tedeschi‘ per possedere i successi („il nostro sviluppo economico „) agli stranieri,
  • il suo punto di vista che il giudizio politico dei cittadini tedeschi deve essere controllato dal governo,
  • ed infine il suo programma che punta su immigrazione di massa come genere di rivoluzione permanente non appena i deficit correnti del „sono riparati “,

ciò ammonta, nella sinossi, ad ideologia, secondo cui i tedeschi sono esseri umani diabolici, che, stante sui loro propri piedi, potrebbe fare soltanto la furberia; chi dovrebbe essere sottoposto, quindi, a controllo dall’estero e sopra; le di chi dichiarazioni di volontà politica non devono essere rispettate dai politici; e chi devono letteralmente essere istruiti dal loro governo. Almeno per il periodo di transizione fino alla loro scomparsa preveduta come gente.

Schäubles “ragione dello stato„ risulta essere una nevrosi distruttiva e la Repubblica Federale Tedesca di essere probabilmente il solo stato del mondo con un’ideologia, secondo cui la ragione dello stato consiste nella liquidazione del per possedere la gente.

Diesen Beitrag weiterlesen »

Da un punto di vista tedesco: una risposta a Lawrence Auster

[Machine translation. No liability for translation errors. Traduzione automatica. Nessuna responsabilità per errori di traduzione.]
Comments in English, please. View original article

[Questo articolo, con un’introduzione del barone Bodissey, inoltre è stato pubblicato in portoni di Vienna]

Al 6 maggio, Lawrence Auster ha inviato un commento sulla reazione del ` s della Germania sulla morte del ` s di Bin Laden – un commento che evidenzia improvvisamente le tensioni politiche la maggior parte di noi non è normalmente informato di. Penso che sia interessante da esaminare la discussione del ` s del sig. Auster per fare chiaramente la natura di queste tensioni e che cosa potrebbero significare al Counterjihad.

Il punto di partenza del ` s di Auster è che il cancelliere Angela Merkel criminale è stato addebitato l’espressione della delizia sopra il crollo del ` s di Bin Laden. Poi cita uno scrutinio secondo quale „64 per cento dei tedeschi non vedono la morte di Osama bin Laden poichè qualcosa essere celebrato “. A Auster, questo indica la morte spirituale del „“portata sopra il „della Germania dall‘applicazione coerente di liberalismo “.

Ci sono alcuni punti il ` t del doesn che di Auster sembra capire: In primo luogo, la domanda non era se la morte del ` s di Bin Laden era buona o cattiva, ma se si dovrebbe celebrarlo. In Germania, molti terroristi sono stati uccisi con le polizie durante gli ultimi decenni ed alcuni hanno commesso il suicidio in prigione. In nessun caso ha fatto una soddisfazione precisa o una delizia di governo tedesco ed in nessun caso c’erano le celebrazioni pubbliche del genere che ora stiamo testimoniando in America. Celebrando chiunque la morte del ` s e sia quello di un ennemy, è considerata undecent in Germania e quindi, la dichiarazione del ` s di sig.ra Merkel era almeno gaffe imbarazzanti, indipendentemente da se era illegale oppure no. ` s qualcosa che non sia fatto semplicemente in questo paese.

Indosso il sig. Auster di colpa del ` t per non sapere e non capendo le abitudini di un paese straniero, penso appena che dovrebbe essere riluttante a giudicare che cosa ` t del doesn capisce.

Finora, questo è stato appena un disaccordo secondario fra la maggior parte dei tedeschi da un lato e la maggior parte dei Americani d’altro canto. Dato l’estrainetà di cui stiamo parlando, è scoraggiante che Auster afferra questa opportunità di avviare una valanga di odio e di pregiudizio contro la Germania, a cominciare da

Ed a proposito, perché stiamo tenendo 50.000 truppe degli Stati Uniti, ad un costo di miliardi un l’anno, in quanto terra morta? Per che scopo, all’infuori dell’alimentazione della loro economia, che sembra essere il più grande in Europa?

Bene, non sono qui proteggere la Germania dalle invasioni. Effettivamente, siamo invasi, poichè tutta la nazione europea è, ma gli Stati Uniti sono l’ultimo paese che vorrebbe proteggerci da che – prenderemo questo punto qui sotto. Gli Stati Uniti hanno basi in Germania perché noi forze in Medio Oriente siamo forniti di qui (e le persone rapite si distribuiscono di qui alle prigioni segrete di CIA intorno al globo).

Pensi appena, se i tracciatori di anti-Hitler nel 1944 fossero riuscito a ucciderlo e se un certo capo tedesco avesse espresso la sua gioia, questo giudice tedesco, se tradotto di nuovo a 1944, cercasse di punirlo. Indovino che la Germania non è cambiato così tanto dopo tutto, hmm? Il liberalismo puro, che i tedeschi nella loro completezza fanatica priva di senso dell’umorismo aspirano come all’opposto di totalitarismo nazista, è un’altra forma di totalitarismo. E allo stesso modo, come ho rilevato spesso, l’opposto sopranazionale Tedesco-sostenuto del nazionalismo nazista che ha cercato di distruggere le nazioni di Europa, inoltre sta distruggendo le nazioni di Europa. In un modo o nell’altro, se nella loro forma nazista o nella loro forma iper-liberale, i tedeschi posano una minaccia risoluta contro le nazioni e la gente dell’ovest. Per parafrasare l’osservazione famosa di Churchill circa i tedeschi, devono essere tenute ai nostri piedi, oppure andranno per la nostra gola.

Ed aggiunge

Non sto essendo estremo o “anti-Tedesco„ quando dico quello.

quale effettivamente indica che lui humourlessness del tedesco della parte del ` t del doesn.

I tedeschi sono d’accordo con me. Si vedono come minaccia contro altre. Ecco perché dicono che l‘UE è necessario, per tenerli, i tedeschi sempre minacciosi, nel controllo.

Molti tedeschi stanno parlando così, perché sono stati detti per parlare e pensare tali cose. Sono stati insegnati a a considerare mille anni di storia tedesca appena come preistoria di Hitler. Sono stati insegnati a a considerare la loro storia come soltanto una storia dei crimini. Sono stati insegnati a che sono il pericolo ad altri. Sono stati insegnati a che il nazionalismo del „e di patriottismo “è la stessa cosa e che l’ultimo è la radice di tutte le malvagità nel mondo. Sono stati insegnati a a odiarsi.

Ha cominciato dal 1945 con la rieducazione sopra e questa rieducazione ancora sta accendendo. Per avvelenare un’intera nazione con auto-odio risultato per essere un concetto di lavoro e questo concetto, una volta che applicato con successo, è stato generalizzato al mondo occidentale complessivamente e come il concetto di colpevolezza bianca del „“ora sta insidiando la nostra civilizzazione. Ciò è niente che dovreste incolpare dei tedeschi. Erano appena le cavie.

La milione-dollaro-domanda è: Perché questo è fatto e chi agisce in tal modo?

Il sig. Auster non può capire molto circa la Germania, ma ha capito abbastanza correttamente che indossassimo la parte del ` t le sensibilità del trionfo sulla morte del ` s di Bin Laden – non dovuto pacificazione, o liberalismo, o decadenza e non solo dovuto un concetto tedesco speciale del decence descritto precedentemente. Può essere scioccante alcuno, ma anche ai counterjihadists militanti come me indosso la parte del ` t.

Sì, Bin Laden era il nostro nemico, ma sulla lista dei nostri nemici non era numero uno e non numero perfino dieci. L’Islam sta marciando in avanti in Europa non tramite il terrorismo, ma tramite l’immigrazione e la lotta etnica, con appoggio importante dalle elite politiche internazionali. Non ha significato asserire una differenza fra le elite americane ed europee, perché tutte appartengono ad una rete transatlantica concentrata dentro, ma non limitato a, l‘America. All’interno di questa rete, le strategie sono rese compatibili a vicenda, di modo che c’è rigorosamente nessun qualcosa come una politica nazionale. Ci sono disaccordi sulle domande secondarie, ma la direzione generale è verso l’instaurazione della civilizzazione uniforme globale. L‘UE fa parte di questo processo e un analista che incolpa appena della Germania il quel, come Auster fa,

Il problema è che dall’l‘UE guidato da tedesca che nella mente tedesca è puntato su che sopprime la nazione tedesca, deve sopprimere tutte le altre nazioni europee pure. Ecco perché, appena poichè il nazionalismo tedesco non potrebbe essere permesso governare Europa, il anti-nazionalismo tedesco anche non può essere permesso governare Europa. La Germania non deve governare, periodo.

prova che il suo odio di un paese particolare è più forte delle sue capacità analitiche.

Perché è il potere principale nella guerra al terrorismo del „“allo stesso tempo che invita la Francia a aprirsi ad infiltrazione islamica e che promuove segreto questo infiltation, poichè noi per sapere da Wikileaks (e non c’è motivo di supporre che la stessa strategia non si applica ad altri paesi europei)? Perché la potenza europea sta unendo il più appassionato la questa Gran Bretagna guerra- – allo stesso tempo e con la stessa passione che si impegna nella sua auto-Islamizzazione? Perché sono i poteri anglosassoni, mentre alla guerra con più di un paese islamico, invitante Europa per ingrandire l‘Unione Europea sempre più, prevedibile con il risultato che la Turchia e l’Africa del Nord faranno parte del club, quindi aprente Europa ad una pletora di immigrati musulmani?

La risposta ovvia è che l’occidentalizzazione del mondo islamico e l’islamizzazione del mondo occidentale sono due lati della stessa moneta.

L’instaurazione della civilizzazione uniforme globale richiede la distruzione dei modelli tradizionali dei valori e delle lealtà. Le nazioni, religioni, tradizioni permettono alla gente di esprimere la solidarietà a vicenda; sono i nemici naturali di tutta la tirannia. Mezzi di globalismo per dissolvere questi legami che tengono insieme la società, rendendo ad uomini i meri consumatori e membri perfetti delle forze di lavoro salvo sistema globale delle istituzioni sovranazionali responsabili a nessuno. Un tal sistema di mobilità globale di capitale e di lavoro, cioè un’economia di mercato globale, tende all’anarchia al micro livello, quindi richiedente ulteriore autorizzazione del livello sovranazionale di applicare una pace che gli stati dell’individuo non possono più conservare.

Ciò è cui le classi politiche di tutti i paesi occidentali, compreso gli Stati Uniti, stanno lavorando per. I musulmani con la loro ambizione di Jihad e la sinistra con la sua utopia multiculturale puerile sono veduti appena come forze ausiliarie utili, che è la ragione per la quale sono date la loro testa.

Ciò è dietro gli slogan della democrazia di diffusione del „“e la libertà del „“e controllo del „buon “ecc; e questo è dietro le frasi di arricchimento culturale nel „“, tolleranza del „“, cultura benvenuta del „“ecc. È probabile che il responsabili credono in cui dicono. Probabilmente realmente credono che lavorino per un sistema di pace e di libertà. Purtroppo, questo richiede che gli oppositori siano non solo nemici, ma diavoli, apparentemente lavorando per la guerra e la tirannia. Il concetto utopistico del mondo del „uno “implica una iper-moralità e comporta la disumanizzazione del nemico.

Paesi avversari d’etichettatura mezzi degli stati canaglia del „“: per non rimanere con le norme giuridiche stabilite riguardo a questi paesi. Come il mio proprio paese due volte è stato dichiarato uno stato canaglia nel secolo scorso, conosco di che cosa sto parlando e vedendo quanto anche un mero sondaggio d’opinione provoca facilmente l’odio etnico anti-Tedesco puro fra gli Americani (penso che atteggiamento del ` s di Auster sia rappresentativo), ` t di isn duro per immaginare che cosa la reazione sarebbe se la Germania combattesse seriamente l’islamizzazione. Anche i conservatori gradiscono Auster, io suppongono, ` t del wouldn fanno una pausa il nostro lato.

La tortura dei terroristi cosiddetti a Guantanamo ed altrove non fa un’eccezione dalla regola dovuto i requisiti irrefutabili di sicurezza nazionale (a proposito: se fosse necessario da esaminare il driver del ` s di Bin Laden, perché era non necessaria per esaminare Bin Laden egli stesso?) ed il cadavere di lancio del ` s di Bin Laden nel mare è la conseguenza di questa de-umanizzazione. Allo stesso tempo, è un avvertimento a tutto l’oppositore del nuovo ordine mondiale, Fe per i counterjihadists, che non hanno probabilità di trattamento secondo le norme democratiche civilizzate se la loro opposizione diventa troppo forte.

Che cosa fanno oggi con Bin Laden è che cosa hanno fatto ieri con i generali tedeschi e che cosa faranno domani con chiunque che combattono la loro utopia. Quel ` s perché indosso il ` t celebra la morte del ` s di Bin Laden.

Diesen Beitrag weiterlesen »