Archive
Categories

Artikel-Schlagworte: „Nazioni Unite“

Il ICC è autorizzato per arrestare Gaddafi?

[Machine translation. No liability for translation errors. Traduzione automatica. Nessuna responsabilità per errori di traduzione.]
Comments in English, please. View original article

[Questo articolo è stato pubblicato il 29 luglio 2011 (quando Gaddafi era ancora nel potere) in Korrektheiten: “Il der Internationale Strafgerichtshof (IStGH) Gaddafi di Darf verhaften? „, Autore e traduttore: Manfred Kleine-Hartlage]

Nessuno realmente si domanda circa il fatto che la Corte penale internazionale ha pubblicato un mandato di arresto contro Al-Qaddafi di Muammar? Realmente è permesso agire in tal modo?

Questa corte è stata stabilita dai firmatari dello statuto di Roma per proseguire determinati crimini (genocidio, crimini contro l’umanità, crimini di guerra, aggressione) per punire i paesi di cui possedere gli ordinamenti giudiziari non sia disposto o non capace di proseguire tali agisce; quindi, classicamente, per il processo dei crimini di governo e dei crimini delle feste private “negli stati falliti„ senza il sistema di giustizia funzionante.

Il pubblico è stato detto che la corte sarà attiva soltanto per i crimini sui territori degli stati firmatari e certamente tutto lo stato è libero di unire un tal accordo e di dare alle sue disposizioni la forza legale domestica. Ugualmente ovvio è che nessuno stato ha il diritto unilateralmente per sottoporre un altro stato sovrano alla sua giurisdizione o per autorizzare i terzi a agire in tal modo. E che cosa è vietato ad uno stato è vietato ugualmente a molti.

Qui, tuttavia, c’è la prima singolarità: La Libia, di cui presidente si accinge a è arrestata a causa degli atti che ha commesso sul territorio del suo proprio stato, non ha aderito a allo statuto di Roma. L’attività della Corte penale internazionale nel caso di Gaddafi è basata su un’istruzione dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Infatti, gli stati membri hanno deciso che il ICC inoltre sarà responsabile degli stati non firmatari, se richiesto dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel singolo caso.

Con lo statuto di Roma, i firmatari assegnati così ai poteri di Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che stessi non hanno ed hanno avuti questo è una violazione flagrante di un principio legale fondamentale: “Nemo più il transferre più potest del habet del ipse del quam di iuris„.

Inoltre, Gaddafi è detto per commettere i crimini contro l’umanità in termini di statuto di Roma. Questo termine comprende una gamma di azioni, quale l’uccisione ostinata, tortura, imprigionamento e simili. Due cose strinking:

In primo luogo, quel tali crimini sono commessi da molti, probabilmente la maggioranza dei governi del mondo, in particolare virtualmente tutte le dittature senza necessariamente dovere affrontare le accuse penali contro il capo di governo. Il principio costituzionale che tutti i crimini conosciuti devono essere proseguiti, non è applicato, nemmeno postulato. Tuttavia, questo principio è per caso invalido, ma servisce ad impedire la legge che è abusata politicamente e che è usando arbitrariamente contro gli individui impopolari. Una legge che è a volte ed a volte applicata a discrezione dei governi non, è nessuno.

Tuttavia, questo è esattamente che cosa accade qui: Lo statuto di Roma in relazione all’autorizzazione illegale del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite appende una spada di Damocles sopra tutti i governi del mondo, almeno l’autoritario, ma appena non conduce (e non è inteso condurre) un mondo più democratico, ma piuttosto autorizza il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per arrestare i capi di governo sgraditi. Il consiglio di sicurezza – questi sono essenzialmente i suoi cinque membri costanti di cui U.S.A., la Russia e la Cina fa non ratificare il signedor l’accordo e di cui possa liberarsi dal veto dal processo dalla corte penale internazionale.

In secondo luogo, quel Gaddafi ha commesso i suoi atti, omicidio intenzionale del Fe, nella struttura ed allo scopo di acquietare una ribellione, cioè per applicare il monopolio nazionale. Questo monopolio, tuttavia, appartiene alla statualità dell’essenza come tale e quello deve essere applicato se necessario con forza, è quasi una tautologia.

Il mandato di arresto contro Gaddafi non significa nient’altro e niente di meno che quell’applicazione del monopolio nazionale è stata dichiarata un crimine. La conseguenza è che gli stati sono sovrani soltanto per quanto fa appello a ai cinque membri di consiglio di sicurezza permanenti e che la sovranità di qualunque altro stato è sospesa. Sospeso ma non a favore di un sistema giudiziario globale, ma a favore di una tirannia globale.

Diesen Beitrag weiterlesen »