Archive
Categories

Artikel-Schlagworte: „ONG“

U.S. Strategia per Europa: Rieducazione

[Machine translation. No liability for translation errors. Traduzione automatica. Nessuna responsabilità per errori di traduzione.]
Comments in English, please. View original article

In primo luogo pubblicato come moriamo Noi-Strategie: Europe di Umerziehung„ “in Korrektheiten„ l’11 febbraio 2011, da Manfred Kleine Hartlage

Traduzione ed introduzione: Kairos

Gli ebrei posano una minaccia risoluta contro le nazioni e la gente dell’ovest. Non sto essendo estremo o antisemita, quando dico così.

Mentre traducevo questo articolo ho seguito la discussione circa la risposta di Manfred Kleine-Hartlage’s a Lawrence Auster sul Korrektheiten, ai portoni di Vienna ed alla vista di Austers dalla destra.

È interessante vedere come i punti di vista della gente tedesca sono rivelati che sarebbe considerare automaticamente come “il razzismo„ e “l’odio„ se proposto l’altro modo intorno. Un commentatore ha inviato il proverbio latino “bovi del licet di Iovi del licet del quod non„ (che Giove può fare è vietato al bue).

Quando un tedesco chiamerebbe la gente americana (o il turco – perfino l’ebreo) – l’intera popolazione – “una minaccia contro le nazioni e la gente dell’ovest„ sarebbe “intollerabile„ ecc – la mia prima frase di provocazione è appena che cosa Auster ha detto circa i tedeschi. Ho cambiato appena “i tedeschi„ “in ebrei„ e “anti-Tedesco„ “in antisemita.„

Alcuni commentatori hanno negato l’influenza americana in Europa e perfino nel mondo arabo.

Grazie a Wikileaks abbiamo entrato una comprensione in politica estera americana e Manfred ha analizzato questa carta. In questo testo si può ORA trovare la prova degli obiettivi del cosiddetto (nuovo ordine mondiale) che non è una teoria di cospirazione. Manfred ha scritto sui portoni di Vienna:

Penso che speculando circa “una cospirazione„ sia inutile. Indovino che ci sono cospirazioni, ma la maggior parte del lavoro è fatto apertamente. “Le reti„ che mi riferisco a sono ben note: CFR, ponte atlantico, Bilderberg, Consiglio americano sulla Germania ecc e molte istituzioni relative che non celano affatto su che cosa stanno puntando: Avete appena tradurre le loro frasi ideologiche in inglese normale per vedere che cosa vogliono. La coordinazione all’interno di questa rete non funzionerebbe se ci non fosse un consenso di base ideologico.

Penso che molti lettori americani o britannici rifiutino l’idea che i acteurs globalistic dietro il NOW sono i nemici peggiori a tutte le nazioni, perché non gradiscono l’idea che le loro elite sono criminali. Bene, non gradisco la conoscenza circa come il criminale il gabinetto del cancelliere Merkel è, l’uno o l’altro, perché è molto imbarazzante. Ma aborro ancora di più se si mi prende in giro come i nostri politici fanno.

E nessuno – specialmente non Manfred Kleine Hartlage, l’autore “del Das Dschihadystem„ (il sistema di Jihad) – dice che l‘Islam era tutto il buono a noi. Ma pensi a cui questa “religione„ assomiglierebbe, se non avessimo aperto mai i nostri confini per immigrazione di massa dei musulmani. Perché dovremmo anche ci preoccupiamo che cosa fanno nel loro deserto? Perché dobbiamo assicurare il nostro traffico aereo quasi in un modo del maniaco? Potrebbe ci essere il terrore islamico in città americane ed europee, se non ci fossero musulmani che potrebbero effettuare tali attacs terroristi?

Così, quando leggete questa analisi, tenga in mente che non è la gente americana che sia criticata, ma il governo americano e parecchi ONG. Un ordine del giorno, un’ideologia che distruggeranno tutta la cultura occidentale, se non la fermiamo – e la distruggerebbero anche se non c’era Islam affatto!

Kairos-

Come l’autore, sottoscrivo che cosa Kairos dice. Sono bene informato che la maggior parte dei Americani nè sanno nè sono d’accordo con che cosa è descritto qui sotto come strategia dei loro capi per Europa e che questa strategia è in nessun caso nel loro interesse. Così quando mi riferisco “all’America„ in questo testo, questo significa le elite di decisione.

– Manfred Kleine-Hartlage –

Wikileaks rivela una strategia degli Stati Uniti per la Francia

Ancora c’sembra essere la gente che considera Wikileaks un’impresa sopravvalutata cui delle pubblicazioni troppa confusione è fatta. Tale gente non potrebbe spiegare finora perché il governo americano perseguita Wikileaks ed il suo fondatore con tale odio ardente. Ora, al più tardi, tuttavia, tutti dovrebbero sapere meglio: La pubblicazione di un documento strategico dell’ambasciata degli Stati Uniti a Parigi, includente niente di meno che un programma americano per un’inversione ideologica e culturale del palo e forzante nella linea di Francia. Ciò evidenzia i metodi con cui paesi tematici di U.S.A. gli interi – contro volontà della loro gente e dietro la parte posteriore del pubblico – al suo interesse ideologico e elettrico politico.

Finora è stata bisbigliata soltanto nei posti adatti dei Ora teorici ed è stata allontanata dall’opinione pubblicata – a condizione che la notasse a tutto come “teoria di cospirazione„. Ora che abbiamo una comprensione diretta nella cucina della propaganda degli Americani, dovremmo afferrare l’opportunità di valutare la conoscenza che abbiamo vinto:

La carta è tanto più informativa poichè viene da un ufficio secondario, vale a dire da un’ambasciata, che ordinariamente non elabora i progetti politici, ma li implementa; e solo perché l’autore ovviamente non lo trova necessario spiegare la legittimità degli obiettivi ed i metodi descritti in verso i suoi superiori, è evidenti che già ammette il loro consenso. Possiamo supporre che la strategia sviluppata in questa carta è rappresentativa per politica estera degli Stati Uniti e che U.S.A. persegue le strategie comparabili inoltre in altri paesi.

In questo contesto è interessante, per esempio, che la carta deplora:

I media francesi rimangono in modo schiacciante bianco, con soltanto gli aumenti modesti nella rappresentazione di minoranza sulla macchina fotografica per i notiziarii televisivi importanti.

In Germania questo fastidio rispettivamente la sua rimozione era precisamente un oggetto “del patto di integrazione„ [fra i capi dei musulmani e del governo federale]. Ché coincidenza!

Interessante, tuttavia, è il implicitness con cui i francesi indigeni sono caratterizzati dal fatto che sono “bianco.„ Per gli Americani che è apparentemente abbastanza naturale consideri questo un’edizione razziale – mentre gli oppositori di questa politica, non appena la indicano, sarebbero accusati subito “del razzismo„.

La carta indica che la politica estera americana è destinata per influenzare non solo la politica corrente dei suoi alleati, ma anche la composizione delle loro éliti, con importanza particolare sulle éliti future. Queste éliti francesi future devono essere reclutate ed indottrinate in un modo che la loro ideologia è compatibile con quella delle éliti americane. Se è compatibile con quella della gente francese, inoltre, è scadente; otterremo. Ciò ha piccolo da fare con i metodi usuali di influenza diplomatica. Piuttosto è comparabile al tentativo di non influenzare una persona parlando con lei, ma manipolando il suo cervello.

Appena il fatto che questo può essere provato, vale a dire senza un segno di cattiva coscienza o persino consapevolezza di un problema, indica che l’idea della sovranità nazionale non svolge ruolo nel pensiero alle éliti politiche americane. Che cosa era sempre valido per molto citato “il cortile„ dell‘America, per America Latina, ora inoltre è valido per gli stati di Europa.

Se ora esaminiamo questo testo riguardo agli obiettivi, all’ideologia ed ai metodi dell’influenza americana, vinciamo almeno una risposta parziale alla domanda, perché la popolazione europea È ovviamente nell’ambito del periodo di un’ideologia autodistruttiva e perché questa ideologia è affermato determinato più vicino veniamo ai centri di potere sociale. Non è appena una coincidenza, ma risultato di influenza strategica, che appena le éliti, di cui il lavoro è tradizionalmente la conservazione e lo sviluppo di una comunità, fanno esattamente l’opposto.

Obiettivi della strategia degli Stati Uniti in Francia

Lo scopo di questa strategia è, generalmente l’implementazione “degli obiettivi dell’americano ed i valori„. Che cosa suona così irrilevante che uno vorrebbe trascurarlo, realmente contiene le implicazioni politiche esplosive. Una tal frase è lontano da essere manifesta: Molti Americani non possono essere informati di, ma il collegamento “obiettivi ed i valori„ di parola è una specialità americana. Nella politica estera pensi – i carri armati di altri paesi uno possono anche parlare dei valori come pure circa gli obiettivi o gli interessi. Ma per imballare entrambi in una formula, è tipico non solo per quella carta, ma in generale per la lingua politica dell‘America e soltanto dell‘America. Gli europei continentali con il loro approccio piuttosto cinico alla politica tendono a considerare questa enfasi sui valori appena un ornamento retorico cui elettrico politico e da interessi economici decorativo sono travestiti. (La maggior parte dei europei sono stati istruiti in una tradizione cattolica o luterana ed il collegamento tipico puritano di fede ed affare – o “obiettivi e valori„, valori ed interessi – è sconosciuti a noi.) L’evidenza, tuttavia, con cui l’uso degli Americani questa formula non è del genere che esprime una frase banale, ma riflette un’ideologia profondamente interiorizzata.

Fino alla lingua politica dei paesi europei si riferisce “ai valori„, questo accade principalmente in relazione ad una concrezione – i valori democratici, i valori ecc. del liberale. Ma sarebbe estremamente sconosciuto se Foreign Office tedesco parlasse “dei valori tedeschi„ e dichiarasse la diffusione loro lo scopo della sua politica. Ciò è, ancora, una caratteristica americana specifica. Qualunque i valori citati possono essere – ed otterremo sopra a cui questi sono: Sono i valori americani espressivo dichiarati, che implica: Una cosa non sono certamente: Valori francesi.

Per alienare una nazione straniera da se stesso, i suoi valori e le tradizioni, sembra essere uno scopo legittimo di politica estera americana. Sebbene la carta definisca lo scopo come conduzione indietro dei francesi ai loro propri valori (o piuttosto a che che cosa l’amministrazione di Stati Uniti considerare come tali), il fatto stesso che gli sforzi dall’estero sono considerati necessari rivela che stiamo parlando della rieducazione.

Il motto è: Se che cosa è chiamato “i valori americani„ non è universalmente accettato in realtà, cambi la realtà! Se la diffusione “dei valori americani„ servisce a promuovere gli interessi americani, o se vice versa servire americano di politica di potere la diffusione di questi valori, è inutile quanto la domanda se la gallina o l’uovo è venuto primo allo stesso modo era impossible da determinare per l’Unione Sovietica la relazione dell’ideologia e della politica di potere trattando quello in funzione dell’altro. È circa due componenti dello stesso approccio politicial che si sostengono. Esattamente questo, interiorizzato come fatto manifesto, è implicato nella frase “i valori ed interessi americani„.

L’ideologia dietro la strategia degli Stati Uniti

La vista americana tradizionale della democrazia è che ci dovrebbero essere governi

derivando i loro poteri giusti dal consenso del governato.

La democrazia significa che la gente determina da cui è governato. Tuttavia, la strategia degli Stati Uniti è basata sopra abbastanza un’ideologia differente, come diventa ovvio in carta di Rivkins: La democrazia è se tutte le minoranze etniche e religiose sono rappresentate nelle éliti di decisione.

Non il fatto che le éliti francesi selfrecruiting ad un grado insolitamente elevato è il problema dal punto di vista americano, almeno non di per sé. Per questo ci sono ragioni sostenibili: Se uno può criticarlo o giustificare, in tutti i paesi occidentali “democrazia„ realmente consiste basicamente nella probabilità decidere quale di due gruppi di élite governerà. È il più notevole che cosa l’ambasciata degli Stati Uniti realmente critica:

Non è problema che l’accesso alla politica attiva è rifiutato tradizionalmente alla vasta maggioranza del francese. Ma è un problema che le minoranze si escludono, l’uno o l’altro. Implicitamente, l’idea di una gente, consistente degli individui liberi con gli stessi diritti, è smessa a favore dell’idea “della nazione„ come disposizione fra i gruppi etnici; se ci non è una gente, ma vari di loro nello stesso stato, quindi interamente devono essere rappresentati. Tuttavia, in questo modo l’idea della democrazia nel senso classico della parola inoltre è abbandonata. L’ipocrisia della frase per aiutare i francesi a realizzare “i propri ideali egalitari della Francia„ o “di realizzazione dei suoi valori democratici rispettati più completamente„, risulta qui. È piuttosto circa la nuova interpretazione dei concetti come “il egalitarian„ e “democratico„ a qualcosa che non abbia avuto probabilità essere consenso anche in U.S.A. – meno di tutti in Francia; senza citare questa nuova interpretazione con appena una sillaba. Rieducazione.

Si suppone che la Francia non sta andando trasformarsi in in un melting pot del genere U.S.A. – parzialmente illegale – reclamo da essere, ma che particolarmente i musulmani, ma anche i nero, ancora riserveranno la loro lealtà in futuro al loro proprio etnico o gruppo religioso. L’accesso all’élite, secondo la carta, non dovrebbe dipendere così dal superamento il questi atteggiamento ed identificazione con la gente francese, ma è propagato come una destra è derivato “dalla democrazia„.

In questo modo, una società splitted in parti è sollevata ad un ideale utopistico ed a questo appena con il reclamo impedire che la Francia “sarà un paese diviso„. Neolingua.

Qui, l’amalgamazione dell’ideologico con la componente elettrico politica di questa strategia compare come in un manuale:

… le ingiustizie innegabili appannano l’immagine globale della Francia e diminuiscono la sua influenza all’estero. Nel nostro punto di vista, un’omissione continua di aumentare l’opportunità e fornire alla rappresentanza politica genuina per le sue popolazioni di minoranza ha potuto rendere la Francia un paese più debole e diviso. Le conseguenze geopolitiche della debolezza e della divisione della Francia colpiranno avversamente gli interessi di Stati Uniti, come abbiamo bisogno di forti partner nel cuore di Europa di aiutarci a promuovere i valori democratici. Inoltre, l’esclusione sociale ha conseguenze domestiche per la Francia, compreso l’alienazione di alcuni segmenti della popolazione, che può a loro volta colpire avversamente i nostri propri sforzi per combattere le reti globali degli estremisti violenti. Prosperare, classe politica francese inclusa aiuterà l’avanzamento i nostri interessi in democrazia l’espansione e la stabilità aumentante universalmente.

La gente francese deve smettere di perseguire i suoi propri interessi perché la gente del terzo mondo prevede – come ricompensa per l’accettazione “dei valori americani„ (e delle basi militari) – la destra unire senza ulteriore difficoltà ogni gente europea dello stato senza dovere assimilare anche culturalmente. Che cosa è l’esistenza della gente francese, che cosa i suoi diritti, che cosa i suoi interessi, confrontati alla vista elevantesi, “per spargere la democrazia e la stabilità universalmente„?

Uno vede qui come semplificandolo eccessivamente sarebbe di capire soltanto questa politica come “imperialistico„ nel senso più stretto, che implicherebbe che “l’ovest„, o persino U.S.A., vuole governare il resto del mondo; è tanto un aspetto di fusione la gente europea (e dell‘America bianca) con questo mondo e dell’instaurazione dell’ordine che permette questa fusione. È, bene, circa un nuovo ordine mondiale (NWO).

Ho detto precedentemente che cosa nel contesto di questo ordine deve essere capito dalla democrazia. La stabilità significa che ci dovrebbe essere non più gente che potrebbero poichè un’unità, capace di agire, eludere questo ordine, per non parlare anche della domanda. Poichè non è possibile sterminare la necessità umana di unirsi ai gruppi, uno sposta la formazione di gruppi al livello sub-nazionale, trasforma la società civile in una società delle tribù ed immobilizza queste tribù realizzando ai loro capi il profitto dalla pentola di carne del sistema. Con quello ha detto che veniamo ai metodi:

 

I metodi di cambiamento etnico della Francia o: Come fare una nazione commettere suicidio

Tattica 1: Impegni nel discorso positivo

In primo luogo, metteremo a fuoco il nostro discorso sull’emissione della parità di opportunità.

Lo stessi trucco con cui le ideologie appartenenti alla sinistra sono messe sempre da parte a parte. Così come l’egualitarismo di genere (integrazione di genere), il hermaphroditisation sistematico (distacco. “Verzwitterung „) della società è appeso su a proposito “dei diritti uguali„ con cui deve non fare niente in realtà, una strategia della rieducazione, infiltrazione e la disintegrazione nazionale sta legando fino alla realizzazione di un’utopia sociale con l’argomento di “pari opportunità„.

Quando diamo gli altoparlanti circa la comunità delle democrazie, sottolineeremo, fra le qualità di democrazia, destra essere differenti, protezione dei diritti delle minoranze, valore della parità di opportunità ed importanza di rappresentanza politica genuina.

La propaganda ai termini del reinterpretate, vede sopra.

Nelle riunioni private, dirigeremo deliberatamente le domande circa la parità di opportunità in Francia verso ad alto livello, capi del francese di non minoranza. Piuttosto che ritirandosi dalle discussioni che comprendono due vacche sacre in Francia…

La pressione massiccia a porte chiuse in modo che nessuno ottenga l’idea chiedere dove parecchi cambiamenti, quello sembrano accadere da sè, viene da.

… continueremo ed intensificheremo il nostro lavoro con i musei e gli educatori francesi per riformare il curriculum della storia insegnato a in scuole francesi, di modo che considera il ruolo e le prospettive delle minoranze nella storia francese.

È circa i concetti di manipolazione della storia. Ho scritto un anno fa, questo appartiene al centro dell’ordine del giorno di NOW, “perché il globalismo è l’ideologia della decisione e, tra l’altro, questo significa che non ci possono essere concetti divergenti della storia! Non solo i fatti storici devono essere incontestabili, no, anche l’interpretazione di questi fatti e la prospettiva quale li esamina deve essere la stessa – da cui, tuttavia, non sarà il caso finchè le nazioni stesse sono padroni della loro storia e della sua interpretazione. Per ciascuna di loro possedere il concetto della storia sta modellando la sua identità. La storia è per la cosa circa lo stesso di nazioni come è memoria per l’individuo:  il termine per la comprensione come un singolo, rimanente identico con se stesso dalla nascita alla morte.

Una gente che smette il suo souverignity di interpretating la sua propria storia prima o poi cesserà di esistere. E, come ho dimostrato da qualche altra parte, questo è esattamente che cosa il NOW richiede.„

Alla conclusione di questo processo ci saranno, presumibilmente, libri di storia come già esistono in America, libri come questo:

Tattica 3: Esagerare aggressivo della gioventù del lancio

In terzo luogo, continueremo ed amplieremo i nostri sforzi di esagerare della gioventù per comunicare circa i nostri valori azionari con il giovane pubblico francese di tutti gli ambiti di provenienza socioculturali. Conducendo la tassa su questo sforzo, l’iniziativa di esagerare della gioventù della mediazione dell’ambasciatore mira a generare un positivo dinamico fra la gioventù che francese quella conduce a maggior contributo agli obiettivi ed ai valori degli Stati Uniti.

I vostri valori, questo è il messaggio, non sono quei dei vostri antenati, ma quei dell‘America. Spero che i giovani francesi si ricordino che “il Cappuccetto Rosso„ è una fiaba francese e pongano la domanda perché questa nonna sconosciuta ha così grande bocca, prima che sia troppo tardi.

Per raggiungere questi obiettivi, costruiremo sui programmi pubblici espansivi della diplomazia già sul posto alla posta ed elaboriamo i mezzi creativi e supplementari per influenzare la gioventù della Francia (…)Inoltre svilupperemo i nuovi strumenti per identificare, imparare da e per influenzare i capi francesi futuri. (…) Costruiremo sulle reti attuali della gioventù in Francia e creiamo i nuovi in Cyberspace, collegante l’un l’altro i capi futuri della Francia in un forum di cui i valori aiutiamo il toshape – i valori dell’inclusione, rispetto reciproco ed apriamo il dialogo.

Un sottile fa il lavaggio del cervello delle elite future di Francem in moda da implementare “i valori„ citati “da sè„.

 

Tattica 4: Incoraggi le voci moderate

In quarto luogo, incoraggieremo le voci moderate di tolleranza a esprimerci con coraggio e la convinzione. Costruzione sul nostro lavoro con due siti Web prominenti innestati verso i giovani musulmani di lingua francese – oumma.fr e saphirnews.com

Mi domando se i lettori musulmani di questi blog sanno circa con di chi servi trattano con?

sosterremo, formeremo ed impegneremo i media e gli attivisti politici che dividono i nostri valori.

Realmente non lasciano niente chance. I propagandisti globalistic futuri sono messi dall’inizio nei fori di inizio per la loro carriera di media.

Divideremo in Francia, con le comunità di fede e con il Ministero dell’interno, le tecniche più efficaci per l’insegnamento della tolleranza attualmente impiegata in moschee americane, le sinagoghe, le chiese ed altre istituzioni religiose.

La gente americana sa che tali tecniche di manipolazione di massa si applicano a se stesso a casa – orchestrato dal governo?

Ci impegneremo direttamente con il ministero dell’interno per confrontare gli Stati Uniti e gli approcci francesi ai leader della minoranza sostenenti che cercano la moderazione e la comprensione reciproca…

Il francese dovrebbe ottenere un’esercitazione in agitprop.

… mentre però confrontando le nostre risposte a coloro che cerca di seminare l’odio e la discordia.

Suoni abbastanza terrificanti. Poichè questa deve essere coordinata con il Ministero dell’interno, è probabilmente circa l’applicazione degli strumenti dello stato di potere contro i dissidenti. In Germania si chiama tale “lotta contro la destra„ e qui anche le istituzioni dello stato e della politica stabilita partecipano – in accordo con gli estremisti di sinistra che sono abbastanza semplici vedersi come combattenti contro l’imperialismo degli Stati Uniti.

Tattica 5: Best practice di propagazione

Fifth, continueremo il nostro progetto della divisione dei best practice con i giovani capi in tutti i campi, compreso i giovani leader politici di tutti i partiti moderati in modo che abbiano le borse degli arnesi e la guida da muoversi avanti.

Che cosa è fatto per i giornalisti futuri, è fatto inoltre per i politici futuri. Alcuni, vale a dire quei leali alla linea, sono sostenuti. L’altri avvertiranno probabilmente fisicamente i risultati dello scambio d’idee americano con il Ministero francese dell’interno.

Creeremo o sosterremo l’addestramento e scambieremo i programmi che insegnano al valore duraturo di vasta inclusione alle scuole, ai gruppi della società civile, ai blogger, ai consulenti politici ed ai politici locali.

Molti fili sottili danno la corda spessa del gallow.

L’ambasciatore conserva la sua migliore idea per l’estremità: la speranza ultimative,

che [giovani membri delle minoranze in Francia], anche, possono rappresentare il loro paese a casa ed all’estero, anche l’un giorno al culmine di vita pubblica francese, come presidente della Repubblica.

Quale documenterebbe la perdita di potere del francese indigeno, possibilmente in tali la presidenza di Barack Obama di modo aveva documentato “la conclusione della regola dell’uomo bianco„.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Diesen Beitrag weiterlesen »