Archive
Categories

Artikel-Schlagworte: „Oslo Ostilit“

Ostilità verso la parte III dei tedeschi: Colpevolezza bianca e sciovinismo islamico

[Machine translation. No liability for translation errors. Traduzione automatica. Nessuna responsabilità per errori di traduzione.]
Comments in English, please. View original article

Ostilità verso la parte III dei tedeschi:
Colpevolezza bianca e sciovinismo islamico

Scritto da Manfred Kleine-Hartlage

Tradotto da J m. Damon

Una traduzione di blog tedesco inviato a

[Seguire fa parte III della mia conferenza “ostilità verso i tedeschi – prendendo le azione„ che sono state presentate al für Staatspolitik (istituto di Institut per politica dello stato) come componente del diciottesimo colloquio di Berlino il 16 luglio 2011.]

Espansione del Paradign di anti ostilità tedesca
all’intero ovest

Come abbiamo veduto, l’ostilità verso la Germania ed i tedeschi esiste a tre livelli.
Al più basso (primo) livello, è il genere di ostilità o di antagonismo che sono orientati verso un Volk o una gente specifico (nel nostro caso i tedeschi.)
A questo livello stiamo occupando dei rancori semplici che datano ai precedenti antagonismi (come quelli con i Pali, l’inglese e gli ebrei.)
(In secondo luogo) ad un livello elevato, l’anti ostilità tedesca è l’espressione di un genere di ideologia globalistic.
La Germania è stata presupposta storicamente per essere l’antagonista prinipal (“la malvagità classica „) e la Germania potrebbe ancora essere veduta questo modo.
Questi antagonismi hanno condotto ad ostilità (ad un terzo) livello ancor più astratto.
L’antagonismo contro la gente tedesca fa parte di una sindrome ideologica che è diretta contro l’esistenza dei gruppi nazionali di per sé, specialmente contro i bianchi.

Attualmente, l’anti ideologia tedesca è stata universalizzata ad un paradigma bianco di colpevolezza. Secondo il paradigma bianco di colpevolezza, la gente bianca è caricata con colpevolezza a causa della loro natura diabolica. Il paradigma comprende l’espansione di anti ideologia tedesca a tutti i paesi dell’ovest e la loro “colpevolezza„ prende le diverse forme compreso il colonialismo, lo sterminio degli indiani americani (con l’altra gente indigena) e perfino la schiavitù africana.

La gente bianca è incolpata di schiavitù africana malgrado il fatto che sia stato un breve intervallo nella cultura occidentale e sia ancora un’istituzione benedetta da Allah, in accordo con legge islamica. Ancora ufficioso è praticata in molti paesi islamici ed ancora sarebbe praticata in Africa se l’ovest non la avesse abolita. Secondo il paradigma bianco di colpevolezza, le nazioni occidentali devono pagare la loro colpevolezza cedendo le loro terre all’invasione dalla gente di colore da ogni parte del mondo. Questo paradigma “politicamente corretto„ ha elevato l’autodistruzione ad una virtù ufficiale e ad un imperativo morale in quasi tutti i paesi occidentali.

Questo genocidio auto-affidato nell’ovest comprende la in-migrazione di massa più soltanto di permesso, poiché il globalismo mira ad abolire più appena i gruppi nazionali. In accordo con la sua genesi di chiarimento ed in nome dell’Utopia dell’uomo Auto-Creare, prende lo scopo a tutti i legami preesistenti.

Sono incluse fra questi legami la famiglia e tutte le differenziazioni genere-specifiche. In questo assalto sulle istituzioni occidentali, il globalismo utilizza gli slogan come “integrazione di genere„ e “le famiglie della rappezzatura,„ e sostiene l’omosessualità, le morali sessuali edonistiche, aborto; ecc.
Il globalismo si oppone generalmente all’idea che l’uomo può essere più di un individuo atomizzato e rifiuta la possibilità che l’uomo può fa parte di una totalità trascendente, una parte integrante di progressione naturale delle generazioni. Non possiamo interamente bandire apparentemente l’idea della responsabilità di quei nati dopo che noi – nasce apparentemente in noi.

Tuttavia, il utopianism globalistic è riuscito a spostarla dal suo embedment in una catena reale delle generazioni e la ha trasferita ad un livello completamente astratto. Ciò era tutto il più facile perché la responsabilità “dell’umanità„ astratta o “della creazione„ è adatta idealmente per sollevare l’individuo della responsabilità reale della sua propria vita come pure delle vite dei suoi bambini.
L’individuo “liberato così„ paga la sua “liberazione„ con contributo politico i progetti a più o meno totalitari per l’entusiasmo di tutta l’umanità.

Inutile per dire, il globalismo cerca di privare la religione (particolarmente Cristianità) della sua autenticità, poichè i cristiani ufficiali con lo stato vanno circa affermare che quella “tutte le religioni tentano d’ottenere lo stesso scopo„. Questa idea è altamente sospetta ai seguaci “di tutte le religioni„ eccetto Cristianità, ma irrita gli occidentali non non più dell’obiezione tradizionale ed ovvia: se tutte le religioni tentano d’ottenere la stessa cosa, perché c’è tante religioni differenti? Il reclamo della religione cristiana alla verità, di cui gli articoli di fede centrali comprendono la credenza che l’uomo da solo non può riacquistarsi, interrompe la realizzazione del chiarimento Utopia. Per questo motivo, il folclore religioso tradizionale pochissimo deve sopravvivere a.

È necessario affinchè il Globalists ancori questa sindrome ideologica in più appena nostre teste, tuttavia. Se quello fosse tutto che sia richiesto, potrebbe essere spostato facilmente dall’argomentazione. La sindrome inoltre è ancorata strutturalmente in una rete internazionale dell’elite di cui i seguaci sono costretti a sostenere questo paradigma ideologico. Inoltre, è inclusa nello stato vario innumerevole e nelle istituzioni non governative. La forza che sta insidiando la volontà e la capacità per l’autoaffermazione fra la gente europea non è appena l’ideologia stessa, ma piuttosto una struttura complessa che configurazioni su questa ideologia ed è dedicata alla distruzione della nostra gente.

Sciovinismo islamico

Le strutture della famiglia, di Volk e della religione hanno fornito tradizionalmente la solidarietà nelle società occidentali, ma ora stanno smantellande ideologicamente. Le società occidentali ora sono atomizzate mentre confrontate con l’immigrazione massiccia dai musulmani, di cui la società non è infettata con le ideologie autodistruttive.

È capito bene che l‘Islam non sia semplicemente una religione ma piuttosto un’ideologia e un ordine sociale sociali pure. È un ordine sociale che è programmato auto-stabilizzarsi. L‘Islam sollecita tutto che tenga insieme la società umana. L’equilibrio fragile e complesso delle forze centrifughe e centripete, delle libertà e delle restrizioni, diritto e il dovere che ha caratterizzato sempre le società cristiane è estraneo Islam. Oggi questo equilibrio è stato interrotto nell’ovest con le forze centrifughe e affrancare che hanno avuto la meglio.

La distinzione fra “noi„ e “voi,„ fra i credenti ed i noncredenti, siamo centrali alla religione di Islam. Questa distinzione non è una mescolanza coincidente dai medio evo che possono essere cancellati arbitrariamente dalla loro religione. Piuttosto, è inerente alle loro immagini di Dio e dell’uomo.
Se l’uomo non è fatto nell’immagine di Dio, poichè il postulato degli ebrei e dei cristiani, ma è invece invenzione e proprietà pure, in effetti uno schiavo del suoi creatore, quindi presentazione totale ad Allah (“Islam „) è la sola relazione adeguata.
Così i musulmani sono a priori migliore gente che i non Musulmani, poiché i non Musulmani resistono ad Allah, che è affrontato dalla loro esistenza stessa.
A sostegno di tale intolleranza il Corano non risparmia le filippiche di odio contro “i noncredenti„ di cui inferiorità ed il depravity comprende un presupposto di base Islam. Così la legge dell’inimicizia deve rimanere in effetti fra i musulmani e i non Musulmani fino al trionfo mondiale di Islam.

Nell’ambito di tali presupposti, un ethos di autocritica non può svilupparsi.
Il Corano si oppone all’ammonimento biblico “giudice non, affinchè non inoltre siete giudicato„ con “noi siete la migliore società che sia esistito mai fra gli uomini, noi tentate d’ottenere il buon e vietate la malvagità e crediamo in Allah.„ La sua camicia naturalmente può adattarsi più comodamente del suo cappotto ed in modo da un Turco per esempio può ancora favorire il benessere della sua propria gente sopra quello degli arabi (per non menzionare i curdi.)

L’asserzione fondamentale che l’umanità deve essere vistova attraverso ai vetri dell’Noi-relazione inoltre presenta il worldview dei musulmani meno religiosi. In paesi quale la Turchia ispira lo sciovinismo etnico pure.
Il fatto che la gente musulmana può essere i nemici di una un altro non interferisce con la loro formazione noi raggruppa in opposizione ai noncredenti.
La solidarietà musulmana contro i noncredenti è in effetti la norma sociale centrale di Islam.

Da questo sorge l’impossibilità per i musulmani di formazione del collegamento ad una nazione dei non Musulmani, a meno che si limiti alle legalità convenzionali come ottenere la cittadinanza. Questo ulteriore illustra l’impossibilità dei musulmani che formano i collegamenti ai gruppi dei non Musulmani. Nel loro punto di vista, disporre un più alto valore sulla solidarietà con una nazione non musulmana che la solidarietà fra i musulmani sarebbe così immorale che sarebbe stato un’impossibilità autentica.

Se una società è “il musulmano„ o non dipende dalla direzione politica.
Per esempio, se i musulmani occupassero le posizioni della direzione, potrebbero considerare la Germania come un paese musulmano. Il Volk tedesco, a cui potrebbero poi essere leali, nel loro punto di vista, consisterebbe dei musulmani se stessi. Il resto precedentemente del tedesco Volk poi sarebbe mero Dhimmis, una minoranza etnica e religiosa che avrebbero tollerato e più non avrebbero considerato “il tedesco.„

Questi tratti dotano l‘Islam con una capacità collettiva enorme di mettere con successo i suoi programmi da parte a parte, particolarmente contro l’ovest degenerato. Va da sé che una società di cui l’immagine del mondo intero è sviluppata su Noi-Voi differenziazione è sicura presentare il vantaggio nei confronti con una società che è ignara di una tal distinzione ed anche la considererebbe immorale.

Il disprezzo dell‘Islam per i noncredenti, che è una parte integrante di loro worldview, gira per odiare quando i noncredenti sono predominanti.
Tale odio attualmente non è diretto specificamente ai tedeschi in particolare – i tedeschi sono generalmente più popolari nel mondo islamico che l’altra gente occidentale. Invece, è diretto contro la qualsiasi società sembra essere nella maggioranza, che in Germania sembra essere “lo Scheiß-Deutschen„ (tedeschi merdosi).

Ad ogni modo un assorbimento musulmano è possibile soltanto a causa degli sforzi di un cartello dei funzionari internazionali dell’elite che hanno adottato ed interiorizzato un‘utopia globalistic. In ultima analisi, questo cartello costituisce il partito rivoluzionario della guerra civile europea che non solo permette che questo processo accada, ma attivamente lo promuova. Nel fare questo, sta sfruttando al suo carretto gli interessi speciali della sinistra politica con le minoranze di ogni descrizione. Le minoranze stanno servendolo molto bene.

Diesen Beitrag weiterlesen »

Il sistema di Jihad o è Islam compatibile con la civilizzazione occidentale?

[Machine translation. No liability for translation errors. Traduzione automatica. Nessuna responsabilità per errori di traduzione.]
Comments in English, please. View original article

Il seguente video è la traduzione in inglese dell’estratto di un discorso che ho fatto nel novembre 2010 a Francoforte, in cui ho sviluppato alcune delle idee centrali del mio libro “il Das Dschihadsystem„.

Poichè questo è il mio primo video di Internet ed ho utilizzato soltanto l’attrezzatura fondamentale, non giudichi prego troppo criticamente la video qualità. ;-)

Il video originale tedesco è disponibile qui:

http://www.youtube.com/watch?v=eBCtdId15tk&feature=results_video&playnext=1&list=PL66D901554C592586

Diesen Beitrag weiterlesen »

Ostilità verso la parte II dei tedeschi: Ideologia tedesca del membro della sinistra e di Auto-Odio

[Machine translation. No liability for translation errors. Traduzione automatica. Nessuna responsabilità per errori di traduzione.]
Comments in English, please. View original article

Scritto da Manfred Kleine-Hartlage  

Tradotto da J m. Damon

http://korrektheiten.com/2011/08/04/deutschenfeindlichkeit-teil-2-deutscher-selbsthass-und-linke-ideologie/ >

[Parte I della mia conferenza “su ostilità verso i tedeschi„ occupati dell’ideologia che è derivato dall’anti descrizione tedesca nell’ovest.
Ho descritto come e perché questa ideologia è stata sempre e sempre sarà inadeguata per la Germania.
Nella seguente sezione discuto le conseguenze che necessariamente derivano dall’approvazione di questa descrizione dai tedeschi stesse.
In conclusione discuto il ruolo svolto dall’ideologia appartenente alla sinistra nel complesso globale di ostilità verso i tedeschi.]

Approvazione tedesca di anti descrizione tedesca occidentale

Come risultato dell’effetto potente di varie sedi della propaganda americana dopo la seconda guerra mondiale, uno spostamento cataclismico ha avuto luogo nel pensiero politico tedesco. Era uno spostamento in direzione dell’ideologia angla di Saxon di liberalismo rivoluzionario e di marxismo successivo. In entrambi i casi ha consistito dell’accettazione dei presupposti di base dell’Meta-Ideologia rivoluzionaria.

Tra l’altro, questo ci ha creati “- voi„ differenziazione basata sull’ideologia piuttosto che l’origine etnica o la base politica nazionale.   La nuova norma era accettata naturalmente, finché “„ non fossimo più tedeschi o persino gli europei. “„ Ci siamo trasformati in in un partito nella guerra civile ideologica globale (“l’ovest,„ “Comunità occidentale dei valori,„ o “il mondo libero „). “„ Siamo diventato chiunque abbiamo diviso gli ideali utopistici rivoluzionari.

A seguito del crollo dell‘Unione Sovietica le parti mai più grandi della sinistra ci hanno capitati a questo “,„ come è abbastanza ovvio dalla cometa come le carriere di precedente “` 68ers„.

Per i poteri vittoriosi, questa nuova definizione del Noi-gruppo, in base a fedeltà ideologica significata una contraddizione latente nella loro auto-identità come nazioni. Ciò era vera non solo per i Russi, che avevano combattuto più per la madre Russia che il comunismo (ma di cui la vittoria ha servito il comunismo più della Russia); era inoltre vero per gli Americani e Britanni. Non era facile da uguagliare “la mia destra del paese o il torto„ con l’ultimo schema “fa la cassaforte del mondo per la democrazia. „ Poichè abbiamo veduto, queste contraddizioni erano solo latenti per gli alleati di tempo di guerra poiché avevano combattuto come nazioni piuttosto che come portatori standard per le idee astratte.

Fra noi i tedeschi le contraddizioni erano più di latenti. Non potrebbero essere trascurati l’instante che abbiamo adottato le descrizioni e le ideologie dell’utopista dei nostri nemici vittoriosi, come abbiamo fatto dopo la seconda guerra mondiale. Un cittadino “che raggruppiamo„ è una comunità di supragenerational che include le generazioni passate come pure quelle eppure venire. La logica che costringe un cancelliere tedesco a participte nelle celebrazioni di vittoria alleate a Parigi, in Normandia e Mosca implica che entrambe le guerre mondiali siano state battaglie nelle guerre civili europee e globali.
Erano lotte gigantesche vinte “dalla Comunità occidentale dei valori„ o semplicemente “democrazia„ (nel caso della Russia, era l’ideologia utopistica come tale) sopra le forze di oscurità e “dai„ (tedeschi rieducati e ricostruiti) abbiamo appartenuto a questa comunità dei valori, “„ eravamo fra i vincitori mentre “i tedeschi„ (cioè la gente sconosciuta che si sono chiamate “i tedeschi „), l’inclusione di tutta la malvagità, erano i perdenti.

L’approvazione tedesca dell’ideologia occidentale e dell’Meta-Ideologia in generale implica una perdita di identificazione con il nostro proprio VOLK. Ci costringe a considerare il nostro proprio VOLK come il nemico, per detestarsi mentre una conseguenza della malvagità ed odiare il nostri propri sopporta. La Germania è il solo paese nel mondo che erige i monumenti ai traditori ed alle disertore, il solo paese in cui è considerato esemplare di sputare sulla tomba dei suoi nonni. La descrizione storica dei vincitori – con i suoi concetti politici globali, il suo worldview utopistico highflown – può mai non essere la descrizione dei tedeschi che vogliono essere tedeschi. Se la adottano, sarà al costo di auto-obliterazione. La contraddizione fra essere tedesca e fa parte di un oggetto storico chiamato “comunità occidentale dei valori„ è unbridgeable.

Il problema è sottolineato piuttosto di quanto risolto dagli sforzi zoppi per unire i incompatibles nei compromessi formulari quale “patriottismo costituzionale.„
Questa ostilità verso il suo proprio VOLK è specificamente tedesca, come è illustrato che dal fatto che i cosiddetti “anti tedeschi„ (poichè si chiamano!) comprendono il solo raggruppamento politico quella si riferisce a stessa con la parola “tedesco.„  Nemmeno i neonazi fanno quello, mentre si riferiscono a stessi semplicemente come “cittadini,„ sottolineante che considerano il nazionalismo come qualche cosa di buon in sé – non solo per i tedeschi ma per ognuno. Gli anti tedeschi, al contrario, esprimono il voto opposto: vogliono sradicare il VOLK tedesco, ma non necessariamente il concetto stesso VOLK. Interessante, stanno tentando di fare questo con la razionalizzazione ideologica, precisamente che cosa ho identificato come il fondamento di anti ostilità tedesca nella parte I di questa serie: L’idea che la Germania è (o era) l’epitome di anti utopista, anti forza counterrevolutionary globalistic va normalmente non specificata eccetto fra gli anti tedeschi. La mia analisi non è lontano rimossa da quella di anti tedeschi; soltanto i prefissi di qualificazione sono invertiti.

Ideologia appartenente alla sinistra

La logica interna costringe le società che sostengono i presupposti fondamentali di Utopianism liberale per essere rapidamente implicate con il suo gemello ostile, il marxismo – socialismo. In generale possiamo riferirci entrambi come ideologia appartenente alla sinistra. Chiunque condanna gli squilibri del potere della società sulla base che non sono fondati in razionalismo e che credono che questi squilibri siano diabolici e debbano essere timbrati fuori, non dovrebbe essere sorpreso quando lo squilibrio fra ricco e povero inoltre rientra nei crosshairs della critica. Chiunque sostiene la libertà e l‘uguaglianza come universalmente valida e come valori di base della società, deve occuparsi dell’opposizione a libertà in nome dell’uguaglianza. I marxisti che attivamente si oppongono al capitale perché il suo potere non è razionale legittimo ma piuttosto sorge con automatismo (derivato dalla natura di capitalismo stessa), conducente alla padronanza di una classe sopra l’altra, contano sulla stessa logica dei liberali che polemicize contro la chiesa e re. Nei marxisti di alcuni riguardi sia più coerente dei liberali, poiché condannano tutte le diseguaglianze sociali. Per esempio, condannano la diseguaglianza fra i ricchi ed il povero; impiegato e disoccupati; il cittadino e lo stato; e fra i genitori e bambini come pure maggioranza e minoranza (etnico o religioso).

Dal punto dell’ideologia appartenente alla sinistra il partito più potente è semplicemente illegittimo perché è più potente. Ciò implica che non dovrebbe essere permessa occuparsi del più debole in base ad eguaglianza davanti alla legge “soltanto convenzionale„, ma deve attivamente essere danneggiata. Corrispondentemente, da questo punto di vista, non è ingiustizia per saccheggiare i ricchi a favore del povero o del impiegato a favore dei disoccupati. L’ideologia appartenente alla sinistra suppone che la legge e lo stato sono repressivi, poiché utilizzano lo stesso bastone di misurazione per misurare le entità dissimili, invece di causare che cosa è disuguale essere uguale; ed inutile per dire, non ci sono leggi per proteggere la maggioranza dalla minoranza. Alla pagina 28 “di DEUTSCHE OPFER, FREMDETER„ Götz Kubitschek e Michael Paulwitz citano una posizione tipico appartenente alla sinistra che asserisce che il razzismo contro i tedeschi non può esistere. Ciò è perché il razzismo è un medium di repressione che per natura non può essere inflitto su una maggioranza da una minoranza a causa del poco potere sociale della minoranza di applicare la sua volontà.

Con parole semplici questo significa che “il partito più debole,„ cioè una minoranza etnica, è permesso fare tutto, mentre “il più forti„ (in Germania, i tedeschi) non sono permessi fare qualche cosa, ma deve resistere a tutto.
Il potere che è presunto per essere più forte è automaticamente il potere diabolico poiché trae giovamento dalla repressione presunta (quella anche rinforza.)

Ancora: poiché la mera esistenza della disparità di potere è “la malvagità„ da affrontare e combattere, un’ingiustizia “di pareggiamento„ in ritardo più non basterà.
La base stessa dello squilibrio di potere deve eliminarsi: ricchezza stessa; o, come è particolarmente pertinente al nostro tema, la maggioranza etnica deve eliminarsi.
Dal punto di vista della sinistra, una maggioranza VOLK o il gruppo etnico non ha diritto di esistere.

La sinistra non è soddisfatta con la rappresentazione degli interessi “del debole; „ è determinato per delegitimize “il forte. „ Nel nostro paese la sinistra deligitimizes gli interessi dei tedeschi, cristiani, uomini, nonfeminist o donne nonlesbian, bianchi, eterosessuali e lavoratori rimunerativo occupati. Cioè la sinistra si oppone agli interessi della maggioranza e cerca a qualsiasi forza queste maggioranze nella minoranza oppure le annienta complessivamente. Ciò è la logica dietro la politica di de-Cristianizzazione, de–Germanization, di de-Europeanization, di femminilizzazione e della promozione dell’omosessualità.
Soltanto impiegato rimunerativo non può abolirsi; tuttavia, è ammissibile selezionare le loro tasche, poiché si sono disposte in una malvagità ed in una posizione repressiva appena esistendo dalla frutta dei loro propri lavoro.

È manifesto che una tal politica non può possibilmente essere democratica, poiché è diretto sistematicamente contro la maggioranza. Così l’ideologia appartenente alla sinistra provoca naturalmente la propagazione del demophobia (timore delle masse), della de-democratizzazione e dei colpi di stato. Naturalmente trova gli alleati nelle minoranze di ogni descrizione.

Tutto questo riguarda generalmente la psicologia delle minoranze che è caratterizzata dai rancori profondi. Le minoranze ritengono che lo stile di vita della maggioranza, in cui sono incapaci e poco disposte di partecipare, dovrebbe essere guastato almeno per la maggioranza. Una buona illustrazione di rancore di minoranza è le sedere che urinano nel vestibolo della banca. Il razzismo contro i tedeschi è l’appena una variazione di questa specie di rancore sebbene significativo.
Ricerche appartenenti alla sinistra di ideologia per mobilitare tale capacità distruttiva.

Diesen Beitrag weiterlesen »

Perché? Riflessioni sul massacro di Oslo

[Machine translation. No liability for translation errors. Traduzione automatica. Nessuna responsabilità per errori di traduzione.]
Comments in English, please. View original article

[Originalmente inviato da Manfred in tedesco (“Warum? „) nel blog korrektheiten.com sabato sera, un giorno dopo Oslo. Traduzione da John Haase e da Kairos]

Suppongo che nessuno di noi dimentichi mai l’incubo delle 24 ore poiché una bomba ha esploso nel centro di Oslo. Il fatto che il massacro seguente è stato diretto contro i bambini non può essere spiegato con strategia politica e molto più di meno essere giustificato da. Ho bambini io stesso. Non c’è destino peggiore per tutto il genitore che perdere un bambino. Mi addoloro con le vittime e le loro famiglie e prego per loro.

Questi parenti – genitori, fratelli germani, amici – e l’intero pubblico, finchè non occupato con autoaffermazione dei loro concetti amati del nemico, hanno un diritto di sapere, come potrebbe venire a questo. E credo che la scena di Counterjihad- possa dire sempre più le cose importanti che i media della corrente principale, quello posso e non vederò nient’altro in questo avvenimento orribile di luglio, 22th del 2011 che una ragione di agitare la loro propria agenda politica e quella ha un interesse nel fare tacere la loro propria parte nei processi che guidano la gente completamente normale e pacifista in radicalismo. Possiamo dire più perché l’assassino – così sembra – stato vicino alla scena di Counterjihad- con la sua agenda politica.

IST non cinici quindi e naturalmente nessun tentativo poi di giustificare gli omicidi di Oslo affatto, dare un’occhiata alle tendenze che del sociale e politiche quello ha condotto all’attacco vizioso. Infatti, è necessario per rispondere che la domanda quella noi tutti ha: perché?

Tutti dipendiamo dai pezzi di informazioni dei media e devo invitare i lettori a mettere in discussione questi pezzi con scetticismo e sfiducia (non è impossibile che l’intero affare è “un’azione della bandiera falsa„, ha messo in scena per motivi politici. Se il sospetto muore e diventa impossible da eliminare che cosa è accaduto in una seduta che pubblica sarebbe un forte suggerisce affinchè sia una tal cosa.). Ciò ha detto e quindi molto cautios, vediamo – se ammettiamo la costruzione ufficiale per essere veri – la seguente immagine:

L’assassino era un esecutore solo (se i rapporti non confermati di un secondo uomo sono veri che è probabilmente una forma “di deux’as che del á del folie- conosciamo dalla baldoria di uccisione della colombina). Era un esecutore solo nello stesso senso di Marinus radicale di sinistra van der Lubbe, che ha bruciato il Reichstag nel 1933 era un esecutore solo. I nazionalsocialisti provati, come conosciuto comunemente, per incolpare del partito comunista – almeno questo tentativo era invano (possiamo già anticipare quei media tedeschi, seguenti lo sceme di 1933, useremo gli attacchi di Oslo per diabolize il counterjihadism). L’incendiario del Reichstag è venuto da un ambiente appartenente alla sinistra ultra- e le sue idee erano vero un’amalgama dai miscugli anarchici e comunisti, ma allo stesso tempo era su un solitario incrinato che ha creduto che in una situazione disperata – poichè i Nazis erano già in carica – ha dovuto cambiare la fortuna con un atto di disperazione.

Confrontato a van der Lubbe, che potrebbe indicare certa forma di razionalità politica (e non ha ucciso gli esseri umani), Breivik è appena un folle. Il piccolo che sappiamo circa l’assassino di Oslo – “un nazionalista bianco„, che ha voluto unire la destra, ma Nazis di odi ed ammira Churchill, “un cristiano conservatore„ chi è un freemanson allo stesso tempo – emphazises l’immagine di confusione e del desorientation che già è dipinto tramite il crimine.

Se è vero che cosa scrivono, Breivik ha preso una parte attiva nella sezione di commento del sito Web norvegese dicritica document.no fino ad ottobre scorso, dopo di che è scomparso dalla web-comunità conservatrice. I fili che tengono insieme i gruppi di Internet sono molto diluente che coloro che lega l’un l’altro gli amici reali. L’isolazione anche da questi legami delicati ad altri conservatori indica abbastanza bene che non era accessibile più per chiunque che potrebbe potere parlarlo dai suoi piani. Infatti, il suo disturbo di personalità ovvio indica che probabilmente non ha voluto essere parlato da ed in modo dalla sua discesa finale in follia abbia cominciato, che si è manifestata così terribile il venerdì il ventiduesimo luglio.

Ma le sue idee politiche prima di questo tempo, mentre possiamo ricostruire da pochissimo che sia stato conosciuto, sono tutto ma irrazionale. Per lui il fronte politico che ha importato non era quello fra il capitalismo ed il socialismo, ma fra nazionalismo ed internazionalismo. Ciò non proviene lontano da cui mi sono detto nella mia analisi del metaideology socialmente dominante che riduce tutti i non liberale e non socialista, id est posizioni politiche dell’non utopista.

Non è insano affatto precisare che le elite politiche, “scientifiche„ e di media di praticamente ogni paese occidentale hanno soccombuto ad un ideale utopistico, vale a dire un’un-mondo-utopia che è presentata noi dai suoi avvocati come paradiso di armonia, di pace, della giustizia e della tolleranza. La verità è molto meno appello: il percorso a questo nuovo mondo coraggioso è pavimentato con lo smantellamento della nostra gente e dei loro stati-nazione, la morte delle nostre culture e l’abolizione autentica della democrazia e di singola libertà. Ciò non è teoria di cospirazione pazza della frangia folle rightwing. Ciò è la politica ufficiale. Molto spesso uno deve soffiare soltanto leggermente sulla nebbia ideologica della guerra che è oggi discorso politico e la direzione dove capo si trasforma in tutta da eliminare.

Tutti per il maggior buon naturalmente. E poiché coloro che combatte contro i bravi ragazzi sono i ragazzi cattivi per difetto, questa ideologia ed i suoi servi non conosca tolleranza per i loro oppositori.

Poiché che soffrono dai risultati del metaideology sinistro resistiamo al risultato del suo ordine del giorno perché conosciamo tutti per scaturire che questo si concluderà in un pantano di caos, della violenza e della degenerazione, la nostra resistenza deve essere schiacciata: limitando il nostro diritto alla libertà di parola, censurando la stampa, esponendoci alla propaganda sempre presente. Evitando i nostri stati-nazione ancora in qualche modo democratici a favore delle entità politiche sovranazionali radrizzi davanti ai nostri occhi. E se tutto che non è ancora abbastanza: con forza pura.

Chiunque pensa che l’azione politica violenta sia abominabile perché in una democrazia che tutti sono permessi convincere la gente della sua causa attraverso i mezzi pacifici non risiede ovviamente su questo pianeta.
Vive in un ingannevole media-creato. In questo dreamworld la violazione costante e sistematica dei diritti politici dei nemici di sinistra o è trascurata complessivamente o persino è celebrata come vittoria “nel gegen senza fine Rechts di Kampf„ (una campagna di stato contro il diritto politico, le espressioni traduce letteralmente: “La lotta contro il diritto politico„. Appena faccio devo citare che “la destra„ è qualunque le elite dicono che è). In Germania è possibile denunciare anche i partiti liberali come “muore Freiheit„ (libertà) e quei leggermente conservatori quale “il pro Deutschland„ (per la Germania) come Nazis. Ciò rende qualunque genere di fare una campagna politico significativo virtualmente impossibile. Peggio ancora, le elite presentano questa orgia antidemocratica noi come lotta per la democrazia. Non ottiene molto più orwellian di questa.

Tutta l’opposizione fondamentale contro l’immigrazione, l’islamizzazione, tasse sempre in aumento per costituire un fondo per ancora un altro progetto utopistico inutile o il trasferimento delle sovranità del nostro paese nei burocrati non eletti dell’Unione Europea è annegata in un’onda di marea delle bugie, delle insinuazioni e degli insulti diretti. Ciò non è malgrado ma il becauce del fatto che ha detto l’opposizione rappresenta l’opinione della maggior parte della gente in ogni paese europeo. Questa maggioranza immateriale deve essere evitata di trovare un punto di cristallizzazione, affinchè non si manifesta politicamente. Ciò è la ragione per “il gegen Rechts di Kampf„ (lotta contro la destra) detto precedentemente e questa è dietro l’ordine del giorno dei media stabiliti, di ogni partito politico stabilito, di ogni istituzione ufficiale e della fabbrica ideologica liberale del veleno a che a volte così lusinghevolmente ci riferiamo come “gli studi umanistici„.

Ciò lo rende facile a unterstand perché qualche gente ricorre alla violenza politica. Se le richieste di governo dei suoi oppositori da agire secondo il regolamento democratico ma non riesce a fare lo stesso in cambio violenza è il risultato inevitabile. Nel passato, quando la sinistra stava soffrendo dall’oppressione stessa ha conosciuto molto bene questo collegamento. Al giorno d’oggi, mentre essi o i loro sostituti pseudoconservative o pseudoliberal sono nel potere provano senza dubbio che il potere corrompe coloro che lo maneggia.

Durante gli anni scorsi, l’odio si è accumulato costantemente fra i conservatori, anti–globalists e quelli critici di Islam. Questo odio non è odio contro Islam. È una bugia per suggerire che siamo razzisti che odiano gli stranieri ed i musulmani. Il nostro odio è diretto contro un cartello dei potentati che non tengono riguardo per le regole democratiche, commettono il tradimento su una scala non veduta mai nel corso di storia dell’umanità e sacrificano il futuro dei nostri bambini e nipoti per la loro ideologia pomposa e perfino per il loro proprio interesse personale basso.

Ciò spiega perché un Islam-critico radicale non tenta di uccidere i musulmani ma le prese sui socialisti invece. Il mio orizzonte politico non riesce tuttavia, a rispondere alla domanda perché assassina i bambini e non i politici. Questo problema deve essere risolto dagli psichiatri.

I media che sono una pietra angolare importante del cartello suddetto di potere non discuteranno queste edizioni. Continueranno dire le loro bugie e gli eventi di Oslo notevolmente le aiutano per agire in tal modo.

Sì, è vero! L’odio fra l’opposizione opprimente è enorme nella misura in cui era soltanto una questione di tempo finché qualcuno non abbia fatto qualche cosa di drastico. È appena sorprendente che il primo uomo sopra la cima è della mente piuttosto instabile, incapace di controllare le sue sensibilità. per metterlo senza mezzi termini: uno psicopatico. Ciò spiega l’irrazionalità e l’infermità mentale quasi complete del massacro di Oslo.

Uno deve aggiungere comunque: le menti malate troveranno sempre una causa che le aiuta a razionalizzare la loro follia. Il conservatorismo servisce parimenti da Islam o qualunque altra ideologia. Pensi appena al Sauerlandgruppe (una cellula terrorista musulmana dei convertiti del tedesco etnico che hanno progettato un attacco e le bombe costruite ma infine non ha causato alcun danno perché i loro piani sono stati sventati dalle autorità di sicurezza).

È altamente probabile che i media tedeschi cominceranno demonizzare la scena e tutto il resto di Counterjihad che non sia lasciato ancora di più nei mesi da a venire. Certamente individueranno l’odio che così abbondantemente riteniamo. Sarebbe superfluo dal nostro lato lo nega. Naturalmente, un gruppo di persone hatefilled è probabile attirare gli psicopatici.

Tuttavia, questo odio è (eccezione fatta per l’assassino) non l’odio degli uomini che soccombono ad un’ideologia riempita odio nel proprio interesse ma l’odio degli uomini che sarebbero colonne della società nei periodi normali, ma ora deve testimoniare la distruzione di questa società dalle elite proditorie.

Diesen Beitrag weiterlesen »

La terza guerra contro la Germania

[Machine translation. No liability for translation errors. Traduzione automatica. Nessuna responsabilità per errori di traduzione.]
Comments in English, please. View original article

La domanda cruciale a tutto il conservatore occidentale è perché le nostre nazioni sembrano completamente perdere la loro volontà per sopravvivere a e fiorire. Il seguente testo, in primo luogo pubblicato da Judith “in Vaterland„, dicembre 281h 2010, evidenzia i metodi con cui la nazione è stata fatta perde questo. Così questo articolo non è su autocommiserazione tedesca o sull’accusare le nazioni alleate. Colto che cosa è stato fatto in Germania come modello da applicarsi dovunque.

Traduzione da Manfred Kleine-Hartlage:

In suo libro “muore il der Niederlage di Psychologie„ (la psicologia di Deafeat), chiamate di Thorsten Hinz “la terza guerra contro la Germania„:  Il tempo dopo del 1945 in cui dopo le bombe che la guerra psicologica ha iniziato – una guerra che non si è fermata finora. Nomi di Hans-Joachim von Leesen in suo degno il saggio leggere le istituzioni, i mezzi, i metodi e gli assistenti compiacenti.

La rieducazione dei tedeschi come parte di guerra psicologica

Hans-Joachim von Leesen

La terza guerra contro la Germania

[…]

„Estingueremo l’intera tradizione tedesca. “

Dopo la guerra Archibald McLeesh, poi Segretario di Stato di delegato Stati Uniti, che aveva fondato, nel 1939, l’istituzione della guerra psicologica in U.S.A., alla conferenza di Potsdam definita lo scopo della rieducazione: per cambiare il carattere e la mentalità della nazione tedesca, di modo che la Germania, per concludere, una vita senza controllo ha potuto essere permessa. Ciò ha richiesto inevitabilmente un trattamento dei tedeschi comparabili a quello di un criminale in una prigione moderna. „Estingueremo la tradizione del tedesco di tutto. “Alla conclusione di questo processo, “una rieducazione tedesca di auto„ dovrebbe stare (dettagliato in Schrenck-Notzing, in Charakterwäsche come pure in Mosberg, rieducazione).

Inferiorità psichica generale del „dell’essere umano tedesco “

“Nel rapporto di una conferenza sulla Germania dopo la guerra„, risolto di Summer, 1944 “dal comitato misto per la Del dopoguerra-Progettazione„ alla Columbia University, New York, l’orario è stato trovato per la rieducazione dei tedeschi che si sono trasformati in poi in una direttiva ufficiale sulla politica del dopoguerra americana. (riferito in Mosberg, rieducazione.)

È stata sviluppata dagli scienziati dalle facoltà di medicina,
psicologia, sociologia ecc.
Lo psicanalista svizzero C.G. Jung che ha appartenuto ai padri spirituali aveva messo in guardia contro rendere una differenza fra „“tedeschi rispettabili ed indecenti (citati in Mosberg, rieducazione). I tedeschi sono collettivamente „colpevole “. La ragione per questa è un’inferiorità psichica generale del „dell’essere umano tedesco “. Nel suo punto di vista i tedeschi “sono degenerati„. La sola efficace terapia era che i tedeschi dovevano essere fatti riconoscono la loro colpevolezza e che confessano pubblicamente continuamente essere colpevoli.

La confessione di colpevolezza di Stuttgart della chiesa protestante della Germania

Uno dei primi punti a questo scopo era la confessione di Stuttgart della chiesa protestante della Germania (EKD). Come i capi della chiesa protestante tedesca che ha appartenuto principalmente “a confessare la chiesa„ [Bekennende Kirche; un gruppo di teologi anti-nazista] provati per unire il Consiglio Ecumenico delle Chiese che stava sviluppando a quel tempo, la circostanza era che hanno dovuto confessare pubblicamente la colpevolezza tedesca. Segretario generale del Consiglio Ecumenico delle Chiese era del Visser’t olandese Hooft che aveva appartenuto durante la guerra al servizio segreto britannico.

Sul diciottesimo/sul diciannovesimo dell’ottobre 1945 i capi delle protestanti tedesche, dal vescovo Lilje e dal pastore Martin Niemöller al Dott. il Dott. Gustav Heinemann, hanno dichiarato la confessione desiderata, non solo per la chiesa protestante, ma per la gente tedesca complessivamente, così, per esempio, anche per i cattolici e quelli senza denominazione. (Dettagliatamente il professor Walter Bodenstein di teologia di Kiel nello schuldig di Besiegte del der del nur di IST del „? Muore il und il das Stuttgarter Schuldbekenntnis von 1945/Is di EKD soltanto il colpevole sconfigguto? Il EKD e la confessione di Stuttgart di 1945 “)

Stampa, radio, film

Continuamente, siete confrontato con il presupposto degli ri-educatori‘ che la colpevolezza collettiva dei tedeschi ha avuta sua causa nella loro disposizione biologica. Ciò doveva essere impressa sulla loro memoria fino a persuaderli essi di stessi. Gli strumenti erano i media, a quegli stampa, radio e film di tempo soprattutto.

In primo luogo, i media disponibili in Germania hanno dovuto essere rimossi. Sono stati vietati. Il punto seguente era di rimuovere tutti gli uomini e donne a partire da vita pubblica che potrebbe opporrsi a a rieducazione. Fra 314.000 e 454.000 persone (le informazioni in letteratura differiscono) sono scomparso nei campi di concentramento fino a tre anni, senza una base nel diritto internazionale
e senza accusa – dai capi di BDM [deutscher Mädels = lega di Bund l’organizzazione delle ragazze tedesche di Hitler, delle ragazze] fino agli alti funzionari di ministero, dai capi del gruppo locale del NSDAP, agli autori ed ai diplomatici.

Il personale delle società radiofoniche è stato allontanato, i giornalisti principali e gli editori erano incarcerati nei campi di concentramento. I media tedeschi in primo luogo sono stati sostituiti dalle stazioni radio dei governi militari alleati. Che cosa hanno dovuto pubblicare è stato consegnato dalle forze di occupazione e le loro agenzie giornalistiche, nella zona degli Stati Uniti la DANA, DENA successivo, nei Britannici sotto la direzione di Sefton Delmer, un uomo principale dello PSW, il servizio di notizie = lo GNS tedeschi. I giornali e le stazioni radio nella lingua tedesca sono stati vietati per pubblicare qualche cosa ma che cosa queste agenzie hanno fornito.

Dopo che alcuni cronometrano uno ha allentato il politicy del personale ed inoltre ha impiegato i giornalisti che non erano emigranti, ma è stato neutralizzato nel terzo reich per motivi politici. Dopo che un – due anni i primi redattori si sono preparati dal lavoro iniziato forze di occupazione. (Un’immagine impressionante è consegnata dai primi giornalisti tedeschi Richard Tüngel di ora e Hans Rudolf Berndorff in loro libro “il sollst Du del DEM Bauche del Auf kriechen„ che è stato publicato nel 1958.) La campagna nella zona degli Stati Uniti capo da Leon Edel, Eugene successivo Jolas. La testa degli addetti stampa era il funzionario dell’intelligence Alfred Rosenberg.

Controllo rigoroso

I giornalisti tedeschi hanno lavorato sotto controllo americano o britannico rigoroso. Hanno dovuto implementare la strategia di tha di guerra psicologica. Lo scopo cruciale era che il „i tedeschi ha confessato la loro colpevolezza collettiva e che sono stati persuasi della loro inferiorità “, come Helmuth Mosberg scrive “nella rieducazione – la rieducazione e l’autorizzazione introducono la Germania del dopoguerra “, la sua dissertazione che inoltre è stato publicata come libro. Il „ogni giornalista ha dovuto essere un reeducator„.

Il carattere tedesco è lavato

A lungo termine, uno non ha potuto alimentare i tedeschi soltanto con i giornali ed i programmi radio delle autorità militari alleate. Così uno ha cercato i tedeschi che sono sembrato adatti da eseguire i giornali recentemente fondati. Circa quel Caspar von Schrenck-Notzing ha riferito già nel 1965 nel suo lavoro di base “Charakterwäsche„ che è comparso ripetutamente in nuove edizioni e recentemente in una versione riveduta. I nuovi editori tedeschi di rivista e del giornale dovrebbero rappresentare il „l’altra Germania “, cioè sono la gente che ha differito chiaramente dai tedeschi attuali. La competenza era secondaria, rispetto al carattere.

I poteri vittoriosi hanno supposto che la maggior parte dei tedeschi hanno avuti un carattere sbagliato perché erano stati modellati dalle loro famiglie autoritarie. Che genere di uomini ha dovuto appartenere alla nuova élite era stato risolto da un gruppo professionale di scienziati sotto la direzione di Max Horkheimer (noi lo incontrerà ancora poichè uno dei mentori della sessantottesima sommossa) e presentato in un „del lavoro di 5 volumi studia nel pregiudizio “, fra cui gli autori era il Fe. Theodor W. Adorno, Frenkel-Brunswik altro, Daniel J. Levinson, R. Nevitt Sanford. Hanno voluto scoprire e sterminare i pregiudizi da cui i tedeschi presunto hanno sofferto. Letteralmente: Lo sterminio delsignifica la rieducazione che accademicamente è progettata. “Con gli individui potenzialmente fascisti del „“dovevano essere scoperti.

Così uno cercato la gente cui nella personalità i valori tipici in Germania, come comportamento esternamente corretto del „, diligenza, abilità, pulizia fisica, salute e comportamento non critico “non sono esistito, perché queste qualità nascondono presunto il „una debolezza profonda del per possedere l’ego “. [No, questo non è un errore di traduzione! L’alleato considerato appena tali uomini qualificati per direzione dei media tedeschi che non ha avuta queste qualità. M.K. – H.]
Alle persone considerate sono state chieste, tra l’altro, come la loro relazione al padre e madre era. Uno ha preferito gli uomini che hanno avuti una relazione rotta ai suoi genitori, cioè non è stato costituito dalla famiglia tedesca autoritaria. E sono andato in avanti con la buona coscienza, mentre hanno considerare i tedeschi come il ill, come pazienti che hanno dovuto essere curati della sua paranoia. I nuovi editori di giornale e redattori capo sono stati presentati alle prove adatte e se risultassero avere tali caratteri rotti, sono stati messi nella rosa dei candidati.

Per così dire, come una ricompensa essi ha ricevuto l’autorizzazione per un giornale o una rivista, naturalmente ancora sorvegliato dagli addetti stampa. I nuovi editori di giornale hanno evitato offendere contro le regole date, altrimenti avrebbero perso l’autorizzazione o la loro posizione. La maggior parte hanno funzionato come richiesto e perfino le credenze reali hanno svolto un ruolo, come la maggior parte della gente preferisce essere dal lato del winnig.

Va da sé che le prove contro la classe dirigente tedesca e contro i criminali di guerra presunti e reali hanno fatto una maggior parte nella rieducazione. La prova nel tribunale militare internazionale di legge a Norimberga contro i capi della Reich come pure quelle seguenti della giustizia militare americana sono state riferite dai giornali dei governi militari alleati. Hanno dovuto fare chiaramente la colpevolezza collettiva alla popolazione tedesca in dettaglio tutti i ed agli stessi, per giustificare i crimini di guerra alleati come per esempio la guerra aerea contro la popolazione civile.

Ogni giornalista deve essere un Ri-educatore

Tutte queste misure erano in accordo con la richiesta principale di guerra psicologica: per separare la gente nemica dai suoi capi. Ciò era già uno scopo degli alleati nella prima guerra mondiale quando il Kaiser allegorized come sgocciolatura del mostro con il sangue. Tutti i giornali come pure la società di radiodiffusione erano conforme al principio che ogni giornalista ha dovuto essere un Ri-educatore. Se non obbedisse a questo, ha corso il rischio per perdere il suo lavoro. Ciò ha spiegato specialmente la linea lealtà di editori e redattori (dettagliatamente Mosberg, rieducazione). Quando nel 1949 la Repubblica Federale Tedesca è stata fondata, l’autorizzazione della stampa dal governo militare ha terminato. Ma durante gli anni dal 1945 al 1949 si aveva istruito una più giovane generazione, che aveva attraversato la scuola degli Ri-educatori sorvegliati dai governi militari.

Ciò spiega perché oggi i giornalisti tedeschi,
comunque liberi nel loro giudizio sui singoli oggetti, devono essere d’accordo con alcune istruzioni base, Fe la colpevolezza collettiva tedesca e la responsabilità esclusiva della Germania della seconda guerra mondiale, tuttavia.

(…)

Diesen Beitrag weiterlesen »

Da un punto di vista tedesco: una risposta a Lawrence Auster

[Machine translation. No liability for translation errors. Traduzione automatica. Nessuna responsabilità per errori di traduzione.]
Comments in English, please. View original article

[Questo articolo, con un’introduzione del barone Bodissey, inoltre è stato pubblicato in portoni di Vienna]

Al 6 maggio, Lawrence Auster ha inviato un commento sulla reazione del ` s della Germania sulla morte del ` s di Bin Laden – un commento che evidenzia improvvisamente le tensioni politiche la maggior parte di noi non è normalmente informato di. Penso che sia interessante da esaminare la discussione del ` s del sig. Auster per fare chiaramente la natura di queste tensioni e che cosa potrebbero significare al Counterjihad.

Il punto di partenza del ` s di Auster è che il cancelliere Angela Merkel criminale è stato addebitato l’espressione della delizia sopra il crollo del ` s di Bin Laden. Poi cita uno scrutinio secondo quale „64 per cento dei tedeschi non vedono la morte di Osama bin Laden poichè qualcosa essere celebrato “. A Auster, questo indica la morte spirituale del „“portata sopra il „della Germania dall‘applicazione coerente di liberalismo “.

Ci sono alcuni punti il ` t del doesn che di Auster sembra capire: In primo luogo, la domanda non era se la morte del ` s di Bin Laden era buona o cattiva, ma se si dovrebbe celebrarlo. In Germania, molti terroristi sono stati uccisi con le polizie durante gli ultimi decenni ed alcuni hanno commesso il suicidio in prigione. In nessun caso ha fatto una soddisfazione precisa o una delizia di governo tedesco ed in nessun caso c’erano le celebrazioni pubbliche del genere che ora stiamo testimoniando in America. Celebrando chiunque la morte del ` s e sia quello di un ennemy, è considerata undecent in Germania e quindi, la dichiarazione del ` s di sig.ra Merkel era almeno gaffe imbarazzanti, indipendentemente da se era illegale oppure no. ` s qualcosa che non sia fatto semplicemente in questo paese.

Indosso il sig. Auster di colpa del ` t per non sapere e non capendo le abitudini di un paese straniero, penso appena che dovrebbe essere riluttante a giudicare che cosa ` t del doesn capisce.

Finora, questo è stato appena un disaccordo secondario fra la maggior parte dei tedeschi da un lato e la maggior parte dei Americani d’altro canto. Dato l’estrainetà di cui stiamo parlando, è scoraggiante che Auster afferra questa opportunità di avviare una valanga di odio e di pregiudizio contro la Germania, a cominciare da

Ed a proposito, perché stiamo tenendo 50.000 truppe degli Stati Uniti, ad un costo di miliardi un l’anno, in quanto terra morta? Per che scopo, all’infuori dell’alimentazione della loro economia, che sembra essere il più grande in Europa?

Bene, non sono qui proteggere la Germania dalle invasioni. Effettivamente, siamo invasi, poichè tutta la nazione europea è, ma gli Stati Uniti sono l’ultimo paese che vorrebbe proteggerci da che – prenderemo questo punto qui sotto. Gli Stati Uniti hanno basi in Germania perché noi forze in Medio Oriente siamo forniti di qui (e le persone rapite si distribuiscono di qui alle prigioni segrete di CIA intorno al globo).

Pensi appena, se i tracciatori di anti-Hitler nel 1944 fossero riuscito a ucciderlo e se un certo capo tedesco avesse espresso la sua gioia, questo giudice tedesco, se tradotto di nuovo a 1944, cercasse di punirlo. Indovino che la Germania non è cambiato così tanto dopo tutto, hmm? Il liberalismo puro, che i tedeschi nella loro completezza fanatica priva di senso dell’umorismo aspirano come all’opposto di totalitarismo nazista, è un’altra forma di totalitarismo. E allo stesso modo, come ho rilevato spesso, l’opposto sopranazionale Tedesco-sostenuto del nazionalismo nazista che ha cercato di distruggere le nazioni di Europa, inoltre sta distruggendo le nazioni di Europa. In un modo o nell’altro, se nella loro forma nazista o nella loro forma iper-liberale, i tedeschi posano una minaccia risoluta contro le nazioni e la gente dell’ovest. Per parafrasare l’osservazione famosa di Churchill circa i tedeschi, devono essere tenute ai nostri piedi, oppure andranno per la nostra gola.

Ed aggiunge

Non sto essendo estremo o “anti-Tedesco„ quando dico quello.

quale effettivamente indica che lui humourlessness del tedesco della parte del ` t del doesn.

I tedeschi sono d’accordo con me. Si vedono come minaccia contro altre. Ecco perché dicono che l‘UE è necessario, per tenerli, i tedeschi sempre minacciosi, nel controllo.

Molti tedeschi stanno parlando così, perché sono stati detti per parlare e pensare tali cose. Sono stati insegnati a a considerare mille anni di storia tedesca appena come preistoria di Hitler. Sono stati insegnati a a considerare la loro storia come soltanto una storia dei crimini. Sono stati insegnati a che sono il pericolo ad altri. Sono stati insegnati a che il nazionalismo del „e di patriottismo “è la stessa cosa e che l’ultimo è la radice di tutte le malvagità nel mondo. Sono stati insegnati a a odiarsi.

Ha cominciato dal 1945 con la rieducazione sopra e questa rieducazione ancora sta accendendo. Per avvelenare un’intera nazione con auto-odio risultato per essere un concetto di lavoro e questo concetto, una volta che applicato con successo, è stato generalizzato al mondo occidentale complessivamente e come il concetto di colpevolezza bianca del „“ora sta insidiando la nostra civilizzazione. Ciò è niente che dovreste incolpare dei tedeschi. Erano appena le cavie.

La milione-dollaro-domanda è: Perché questo è fatto e chi agisce in tal modo?

Il sig. Auster non può capire molto circa la Germania, ma ha capito abbastanza correttamente che indossassimo la parte del ` t le sensibilità del trionfo sulla morte del ` s di Bin Laden – non dovuto pacificazione, o liberalismo, o decadenza e non solo dovuto un concetto tedesco speciale del decence descritto precedentemente. Può essere scioccante alcuno, ma anche ai counterjihadists militanti come me indosso la parte del ` t.

Sì, Bin Laden era il nostro nemico, ma sulla lista dei nostri nemici non era numero uno e non numero perfino dieci. L’Islam sta marciando in avanti in Europa non tramite il terrorismo, ma tramite l’immigrazione e la lotta etnica, con appoggio importante dalle elite politiche internazionali. Non ha significato asserire una differenza fra le elite americane ed europee, perché tutte appartengono ad una rete transatlantica concentrata dentro, ma non limitato a, l‘America. All’interno di questa rete, le strategie sono rese compatibili a vicenda, di modo che c’è rigorosamente nessun qualcosa come una politica nazionale. Ci sono disaccordi sulle domande secondarie, ma la direzione generale è verso l’instaurazione della civilizzazione uniforme globale. L‘UE fa parte di questo processo e un analista che incolpa appena della Germania il quel, come Auster fa,

Il problema è che dall’l‘UE guidato da tedesca che nella mente tedesca è puntato su che sopprime la nazione tedesca, deve sopprimere tutte le altre nazioni europee pure. Ecco perché, appena poichè il nazionalismo tedesco non potrebbe essere permesso governare Europa, il anti-nazionalismo tedesco anche non può essere permesso governare Europa. La Germania non deve governare, periodo.

prova che il suo odio di un paese particolare è più forte delle sue capacità analitiche.

Perché è il potere principale nella guerra al terrorismo del „“allo stesso tempo che invita la Francia a aprirsi ad infiltrazione islamica e che promuove segreto questo infiltation, poichè noi per sapere da Wikileaks (e non c’è motivo di supporre che la stessa strategia non si applica ad altri paesi europei)? Perché la potenza europea sta unendo il più appassionato la questa Gran Bretagna guerra- – allo stesso tempo e con la stessa passione che si impegna nella sua auto-Islamizzazione? Perché sono i poteri anglosassoni, mentre alla guerra con più di un paese islamico, invitante Europa per ingrandire l‘Unione Europea sempre più, prevedibile con il risultato che la Turchia e l’Africa del Nord faranno parte del club, quindi aprente Europa ad una pletora di immigrati musulmani?

La risposta ovvia è che l’occidentalizzazione del mondo islamico e l’islamizzazione del mondo occidentale sono due lati della stessa moneta.

L’instaurazione della civilizzazione uniforme globale richiede la distruzione dei modelli tradizionali dei valori e delle lealtà. Le nazioni, religioni, tradizioni permettono alla gente di esprimere la solidarietà a vicenda; sono i nemici naturali di tutta la tirannia. Mezzi di globalismo per dissolvere questi legami che tengono insieme la società, rendendo ad uomini i meri consumatori e membri perfetti delle forze di lavoro salvo sistema globale delle istituzioni sovranazionali responsabili a nessuno. Un tal sistema di mobilità globale di capitale e di lavoro, cioè un’economia di mercato globale, tende all’anarchia al micro livello, quindi richiedente ulteriore autorizzazione del livello sovranazionale di applicare una pace che gli stati dell’individuo non possono più conservare.

Ciò è cui le classi politiche di tutti i paesi occidentali, compreso gli Stati Uniti, stanno lavorando per. I musulmani con la loro ambizione di Jihad e la sinistra con la sua utopia multiculturale puerile sono veduti appena come forze ausiliarie utili, che è la ragione per la quale sono date la loro testa.

Ciò è dietro gli slogan della democrazia di diffusione del „“e la libertà del „“e controllo del „buon “ecc; e questo è dietro le frasi di arricchimento culturale nel „“, tolleranza del „“, cultura benvenuta del „“ecc. È probabile che il responsabili credono in cui dicono. Probabilmente realmente credono che lavorino per un sistema di pace e di libertà. Purtroppo, questo richiede che gli oppositori siano non solo nemici, ma diavoli, apparentemente lavorando per la guerra e la tirannia. Il concetto utopistico del mondo del „uno “implica una iper-moralità e comporta la disumanizzazione del nemico.

Paesi avversari d’etichettatura mezzi degli stati canaglia del „“: per non rimanere con le norme giuridiche stabilite riguardo a questi paesi. Come il mio proprio paese due volte è stato dichiarato uno stato canaglia nel secolo scorso, conosco di che cosa sto parlando e vedendo quanto anche un mero sondaggio d’opinione provoca facilmente l’odio etnico anti-Tedesco puro fra gli Americani (penso che atteggiamento del ` s di Auster sia rappresentativo), ` t di isn duro per immaginare che cosa la reazione sarebbe se la Germania combattesse seriamente l’islamizzazione. Anche i conservatori gradiscono Auster, io suppongono, ` t del wouldn fanno una pausa il nostro lato.

La tortura dei terroristi cosiddetti a Guantanamo ed altrove non fa un’eccezione dalla regola dovuto i requisiti irrefutabili di sicurezza nazionale (a proposito: se fosse necessario da esaminare il driver del ` s di Bin Laden, perché era non necessaria per esaminare Bin Laden egli stesso?) ed il cadavere di lancio del ` s di Bin Laden nel mare è la conseguenza di questa de-umanizzazione. Allo stesso tempo, è un avvertimento a tutto l’oppositore del nuovo ordine mondiale, Fe per i counterjihadists, che non hanno probabilità di trattamento secondo le norme democratiche civilizzate se la loro opposizione diventa troppo forte.

Che cosa fanno oggi con Bin Laden è che cosa hanno fatto ieri con i generali tedeschi e che cosa faranno domani con chiunque che combattono la loro utopia. Quel ` s perché indosso il ` t celebra la morte del ` s di Bin Laden.

Diesen Beitrag weiterlesen »